Coronavirus, studio cinese: alcuni gruppi sanguigni più vulnerabili
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Dom, Lug
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, studio cinese: alcuni gruppi sanguigni più vulnerabili

Coronavirus, studio cinese: alcuni gruppi sanguigni più vulnerabili

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Alcuni gruppi sanguigni, in particolare il gruppo A, potrebbero essere leggermente più vulnerabili a Covid-19.

Coronavirus, studio cinese: alcuni gruppi sanguigni più vulnerabili
Coronavirus, studio cinese: alcuni gruppi sanguigni più vulnerabili

 

E' quanto emerge da uno studio dei ricercatori cinesi della Southern University of Science and Technology di Shenzhen, insieme ad altri colleghi. Si tratta di uno studio non ancora sottoposto a peer-review, disponibile sul sito MedRxiv, che rimbalza sulla stampa internazionale.  

I ricercatori sono arrivati ​​a questa conclusione dopo aver analizzato campioni di sangue di 2.173 pazienti con Covid-19 in tre ospedali nelle città cinesi di Shenzhen e di Wuhan, primo epicentro dell'epidemia. Poi hanno confrontato queste informazioni con i dati di 3.694 persone sane a Wuhan e 23.386 a Shenzhen. Ebbene, analizzando tutti i risultati, i ricercatori hanno concluso che "il gruppo sanguigno A presenta un rischio significativamente più elevato di Covid-19" rispetto ai gruppi non A. Mentre i soggetti di gruppo 0 "hanno un rischio significativamente più basso per la malattia infettiva".  

La differenza potrebbe essere spiegata da alcuni anticorpi nel sangue, ma sono necessari ulteriori studi per confermare il fenomeno e spiegarlo, hanno detto gi autori. Lo studio potrebbe avere implicazioni per gli operatori sanitari che trattano pazienti Covid-19, hanno aggiunto i ricercatori, poiché quelli di gruppo A "potrebbero aver bisogno di una protezione personale particolarmente rafforzata per ridurre il rischio di infezione". Ma gli stessi autori sottolineano il fatto che si tratta di un lavoro limitato, che mette in luce l'utilità di ulteriori studi.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook