Coronavirus, Camera va avanti ma è paura contagio - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
05
Gio, Ago

Coronavirus, Camera va avanti ma è paura contagio

Coronavirus, Camera va avanti ma è paura contagio

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il 'Palazzo' deve restare aperto, ha il ''dovere sacro'' di "rappresentare il popolo" e i parlamentari "devono lavorare e dare l'esempio", è il coro unanime in piena emergenza Coronavirus.

Coronavirus, Camera va avanti ma è paura contagio
Coronavirus, Camera va avanti ma è paura contagio

 

Ma la paura del contagio resta e non c'è 'stretta' sanitaria che tenga. Anche oggi si ripropone la querelle sui lavori parlamentari e si dibatte sull'opportunità di stare fisicamente in Aula o fare ricorso a strumenti alternativi come il voto a distanza (adottato dal Parlamento europeo) o quello telematico per esaminare provvedimenti urgenti come il dl 'Cura-Italia'.  

Meglio tutti presenti o collegati in video conferenza o streaming? E chi viene dalle zone dei focolai dovrà fare prima un tampone? Per garantire la debita distanza e il rispetto alla lettera delle misure imposte dal governo a tutela della salute, Camera e Senato sono corse ai ripari. Ma i dubbi restano. Su tutto prevale la paura dell'untore. Vari deputati e senatori sono 'positivi' al Covid-19, altri sono in quarantena obbligatoria e autoisolamento precauzionale, soprattutto quelli provenienti dalle zone rosse, al Nord. Alcuni si sono sottoposti al test di verifica del Covid-19, altri lo faranno.  

La deputata azzurra Michaela Biancofiore propone di rivolgersi all'Iss: ''Se l'Aula può rimanere fisicamente aperta è evidente che lo può decidere solo la più alta autorità sanitaria nazionale, l'Iss: i presidenti delle Camere la interpellino al più presto". "Se ci sono le possibilità -sottolinea Biancofiore- il Parlamento si riunisca regolarmente nella sua sede previo test obbligatorio a tutti , personale compreso''. Viceversa, ''bastano semplici applicazioni web per consentire al parlamento anche a distanza di organizzare i lavori in smart working". Chi sta venendo in Parlamento in questi giorni per partecipare alle capigruppo in Aula o semplicemente per lavorare nel suo ufficio segue le prescrizioni del ministero della Salute e del governo. Basteranno i contingentamenti e le 'restrizioni' sanitarie quando l'Assemblea sarà convocata al completo?  

Intanto, il Parlamento si prepara a lavorare in sicurezza. Montecitorio, dove si procederà in maniera ordinaria per l'esame dei decreti, a cominciare dal 'Cura-Italia' (come deciso ieri dalla capigruppo), metterà a disposizione spazi più ampi per ''tutelare la salute di deputati e dipendenti'': martedì prossimo, la capigruppo convocata per stabilire i lavori, si riunirà nella Sala della Regina, mentre la 'Bilancio' dovrebbe tenersi nella sala del Mappamondo, di solito in grado di ospitare due commissioni.  

Francesco D'Uva, questore pentastellato della Camera, è convinto che in piena emergenza Covid-19 il 'palazzo' deve restare aperto e continuare a lavorare in sicurezza, per approvare provvedimenti urgenti per il Paese come il dl 'Cura-Italia': ''E' nostro preciso dovere, oltre che volontà, portare avanti i lavori parlamentari. Non è niente di eccezionale, è il compito per cui siamo stati eletti.Continueremo -assicura all'Adnkronos D'Uva- ad adottare tutte le misure di prevenzione e protezione per deputati - provenienti da Nord come da Sud - e dipendenti".  

"Mi riferisco sia alle regole stabilite a livello nazionale che a quelle specifiche già adottate a Montecitorio grazie alle delibere del Collegio dei Questori. Da una parte salvaguardiamo la salute, dall'altra proseguiamo con i lavori parlamentari", spiega.  

D'Uva rinvia alla capigruppo la scelta sulle modalità di svolgimento dei lavori in Aula: ''Sulle modalità di svolgimento dell'Aula deciderà la capigruppo di martedì prossimo". Non è questo il momento per aprire un dibattito sulla possibile modifica dei meccanismi regolamentari delle Camere, che comunque richiederebbero tempo e procedure parlamentari complesse, poco attuabili in queste circostanze, va ripetendo in queste ore il questore di Fi, Gregorio Fontana.  

Per l'esponente azzurro bisogna cercare di trovare soluzioni, a regolamento vigente, che tengano conto delle necessarie precauzioni sanitarie che sono un punto di riferimento per i parlamentari come per tutti coloro che svolgono un servizio pubblico essenziale. I lavori parlamentari proseguono, dunque, avrebbe ribadito Fontana, seguendo scrupolosamente le indicazioni delle autorità sanitarie e degli esperti del settore.