Coronovirus, Trump: "America non è fatta per essere chiusa" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Mer, Ago

Coronovirus, Trump: "America non è fatta per essere chiusa"

Coronovirus, Trump: "America non è fatta per essere chiusa"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il nostro Paese non è stato fatto per essere chiuso e bloccato".

Coronovirus, Trump:
Coronovirus, Trump: "America non è fatta per essere chiusa"

 

Così Donald Trump ha detto che la sua amministrazione lavorerà per permettere alle economie locali di "riprendere con cautela" ed al momento appropriato le attività durante l'epidemia di coronavirus. 

"I nostri esperti di sanità pubblica, che sono straordinari, stanno studiando le variazioni della malattia nel Paese ed useranno questi dati per raccomandare nuovi protocolli che permetteranno alle economie locali di riprendere le loro attività in modo cauto ed al momento opportuno", ha detto il presidente parlando ai giornalisti al briefing quotidiano con la task force della Casa Bianca. Mentre si allunga la lista degli stati che ordinano ai propri cittadini di rimanere a casa e chiudono tutte le attività non essenziali, ed i casi arrivati ad oltre 43mila, Trump ha dichiarato di essere convinto che l'economia presto sarà di nuovo in ripresa e che le attività riapriranno nel giro di settimane. "L'America sarà di nuovo, e presto, riaperta al pubblico - ha detto - questo è un problema medico, non lasciamo che si trasformi in un problema finanziario a lungo termine".  

IL VIRUS NEGLI USA - Sono più di 41 mila i casi di coronavirus registrati finora negli Stati Uniti, dove sono stati condotti 313 mila test. Lo rende noto il vice presidente Usa Mike Pence, spiegando che tutti i laboratori degli ospedali e tutti gli Stati devono inviare i numeri delle persone risultate positive ai Centri Usa per il controllo e la prevenzione della malattia