Coronavirus, "600 euro anche alle partite Iva"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Lun, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, "600 euro anche alle partite Iva"

Coronavirus, "600 euro anche alle partite Iva"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Ci sono diversi professionisti e diverse partite Iva, quelli singoli e senza dipendenti: ci sono quelli a gestione separata che sono gestiti dall'Inps e che rientrano nei 600 euro, la cui domanda sarà disponibile la settimana prossima e i 600 euro arriveranno nel corso di aprile; e ci sono quelli che stanno nelle casse professionali e che non saranno gestiti da Inps, ma avranno i 600 euro anche loro.

Coronavirus,
Coronavirus, "600 euro anche alle partite Iva"

 

In più per tutti i professionisti c'è la moratoria dei debiti come gli altri, 3000 euro di credito garantito all'80%... non li abbiamo lasciati fuori". Così Marco Leonardi, consigliere del ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, ospite di 24 Mattino su Radio 24.  

Dopo l'approvazione dell'ultimo decreto ieri, che dice quali sono le attività essenziali, spiega ancora, "sostanzialmente quelle aperte corrispondono più o meno a metà dell'occupazione dipendente italiana, cioè da oggi dovrebbero essere al lavoro solo la metà dei lavoratori dipendenti. Abbiamo chiuso metà delle attività produttive. Per primi abbiamo scelto questa linea molto dura e ora gli altri ci stanno seguendo, imparando anche dai nostri errori".  

"Ovviamente - aggiunge - al netto delle zone più critiche, lavorare nelle attività essenziali deve essere assolutamente sicuro. C'è un protocollo e c'è il coinvolgimento sindacale. La gente non deve aver paura di andare a lavorare, altrimenti non si riescono a fare neanche le cose essenziali".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook