Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mar, Apr

Cina agli Usa: "Nemico è Covid-19, noi siamo vittime"

Cina agli Usa: "Nemico è Covid-19, noi siamo vittime"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il nemico è il virus, non la Cina". Parola del portavoce della diplomazia cinese, Geng Shuang, citato dall'agenzia ufficiale Xinhua.

Cina agli Usa:
Cina agli Usa: "Nemico è Covid-19, noi siamo vittime"

 

E la Repubblica Popolare è una "vittima" della pandemia, "non la responsabile", ha incalzato Geng, uno dei portavoce del ministero degli Esteri della Repubblica Popolare, nelle dichiarazioni riportate dalla Cgtn dopo le ipotesi di invio di una squadra di esperti americani nel gigante asiatico per indagare sulle origini della pandemia. 

"L'origine della Covid-19 è una questione scientifica, dovrebbe spettare a esperti medici e scienziati scoprirla. Non va politicizzata", ha ripetuto durante il consueto briefing con la stampa. Il portavoce, scrive la Xinhua, è tornato a invitare "alcuni responsabili americani a rispettare i fatti, la scienza e il consenso internazionale" e a "smettere di diffondere teorie complottiste" sulle origini del coronavirus, che si è inizialmente manifestato in Cina. 

"Non è possibile che il virus sia originato da noi", ha detto ieri il direttore dell'Istituto di virologia di Wuhan, Yuan Zhiming. Non ci sono contagiati tra lo staff dell'istituto, ha ribadito oggi Geng. L'invito a chi diffonde "irresponsabili teorie complottiste" è a "concentrarsi sulla prevenzione e il controllo dell'epidemia e a rafforzare la cooperazione internazionale, piuttosto che attaccare e - ha concluso Geng - diffamare la Cina".