Studio: "Casi Cina vanno moltiplicati per 4"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Lun, Gen
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Studio: "Casi Cina vanno moltiplicati per 4"

Studio: "Casi Cina vanno moltiplicati per 4"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I casi di Covid-19 in Cina potrebbero essere stati 232mila solo nella prima fase dell'epidemia fino al 20 febbraio scorso, quattro volte tanto il conteggio ufficiale a quella data, che era di 55.508 casi, non molto meno del triplo dei casi totali a oggi di 83.876.

Studio:
Studio: "Casi Cina vanno moltiplicati per 4"

 

Lo dimostra uno studio della Scuola di salute pubblica dell'Università di Hong Kong pubblicato su Lancet.

Il nuovo calcolo è stato effettuato impiegando sin dall'inizio della crisi l'ultimo, in ordine di tempo, dei diversi criteri introdotti dalla Commissione per la salute nazionale cinese fra il 15 gennaio e il 3 marzo per confermare un caso di Covid-19. Questi diversi criteri hanno un "effetto sostanziale" sul numero delle infezioni considerate. In un primo momento per esempio venivano considerati solo casi con sintomi gravi o tracciabili a Wuhan. Lo studio analizza i dati, dall'inizio dell'epidemia al 20 febbraio, dell'ufficio dell'Oms di Wuhan. E dimostra che ognuno dei primi cinque criteri introdotti moltiplica il numero dei casi conteggiati fra 2,8 e 7,1 volte. "Se la quinta versione del criterio per confermare un caso fosse stata applicata sin dall'inizio ci sarebbero stati 232mila casi confermati in Cina invece dei 55.508 casi denunciati", sottolinea la ricerca.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook