Tennis & Friends premiato al Gala ricerca Sbarro per 'impegno su prevenzione', sbarco in Usa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Gio, Lug

Tennis & Friends premiato al Gala ricerca Sbarro per 'impegno su prevenzione', sbarco in Usa

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Il Gala della ricerca promosso da Antonio Giordano, presidente della Sbarro Health Research Organization e docente della Temple University e dell'Università di Siena, ha visto tra i premiati anche Giorgio Meneschincheri, docente dell'Iniversità Cattolica Sacro Cuore e fondatore di 'Tennis & Friends',

l'iniziativa che dal 2011 raccoglie fondi coinvolgendo tennisti e professionisti e personaggi del mondo dello spettacolo. Giordano e Meneschincheri hanno annunciato la nascita di 'Tennis & Friends America' "per creare un'enorme banca dati anche per il monitoraggio della salute". Le motivazioni del premio consegnato a Meneschincheri: "Per il suo impegno sui temi della prevenzione, la promozione della salute l'attività sociale, i corretti stili di vita e la pratica sportiva".  

Il Gala della ricerca ha riunito a Vico Equense (Napoli) il mondo imprenditoriale e scientifico per una raccolta fondi che ha visto un'asta di oggetti messi a disposizione da esponenti delle istituzioni e dell'imprenditoria. Per il terzo anno sono stati raccolti 400mila euro che saranno destinati alla ricerca e ai ricercatori impegnati nei laboratori. Alla serata di beneficenza la madrina Cristiana dell'Anna, il giornalista Leonardo Metalli, l'organizzatore Carlo Fumo, Barbara Colombo con Lello Javazzi e Maddalena Liardo, con la partecipazione delle musiciste Cira Romano e Francesca Maresca.  

Il Gala è "una serata dedicata alla comunità scientifica e al sogno di sconfiggere il cancro e di farne una patologia controllabile come il diabete". Per questo lo scienziato italo-americano Antonio Giordano, presidente della Sbarro Health Research Organization (Shro) e docente della Temple University e dell'Università di Siena, con Giancarlo Arra, vice presidente Shro, ha organizzato a Vico Equense (Napoli) il 'Gala della ricerca', riunendo il gotha del mondo imprenditoriale e scientifico per una raccolta fondi che ha visto un'asta di oggetti messi a disposizione da esponenti delle istituzioni e dell'imprenditoria. Per il terzo anno sono stati raccolti 400mila euro che saranno destinati alla ricerca e ai ricercatori impegnati nei laboratori. Alla serata di beneficenza la madrina Cristiana dell'Anna, il giornalista Leonardo Metalli, l'organizzatore Carlo Fumo, Barbara Colombo con Lello Javazzi e Maddalena Liardo, con la partecipazione delle musiciste Cira Romano e Francesca Maresca.  

"In occasione dei settant'anni della scoperta del Dna che ha permesso la nascita di farmaci di precisione, della medicina personalizzata e la nascita di terapie come quelle contro tumori aggressivi come al seno e al polmone - afferma Giordano - posso dire di aver realizzato il mio sogno, quello di creare un'organizzazione che potesse aiutare e finanziare giovani ricercatori. In America, io giovane ricercatore italiano - racconta - ho potuto realizzare i miei progetti lavorativi grazie alla generosità di Mario Sbarro, fondatore della catena Sbarro fast-food, la prima tavola calda italiana in America con oltre 2mila punti vendita. In breve tempo il mio istituto è diventato una public charity che riceve finanziamenti del governo americano. A distanza di 30 anni l'organizzazione è diventata un punto di riferimento che ha finanziato oltre 400 ricercatori e la Shro è tra le 500 istituzioni che applica metodi diagnostici e protocolli terapeutici determinanti".  

"Abbiamo creato un ponte virtuale con l'Italia, con la creazione della Sbarro Italia che gode del know how americano - sottolinea Arra - Per il momento abbiamo a disposizione 12mila metri quadri a Candiolo, grazie alla Regione Piemonte. Qui abbiamo creato un istituto. Ad ottobre, poi, avremo anche i laboratori nell'università di Palermo. Siamo in trattativa anche per 'portare' la Sbarro a Napoli, dove tutto è nato". Numerosi i brevetti di cui è proprietaria l'organizzazione nel settore dell'oncologia, campo in cui Giordano, ha fatto chiarezza anche sul disastro ambientale della Terra dei fuochi. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.