Alimenti, 40% malattie da cibo contaminato colpisce bambini under 5
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Gio, Lug

Alimenti, 40% malattie da cibo contaminato colpisce bambini under 5

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Secondo le stime globali dell'Oms, ogni anno una persona su 10 si ammala per aver mangiato del cibo contaminato da batteri, virus, parassiti o sostanze chimiche; oltre 200 malattie sono causate dal consumo di cibo contaminato e il 40% delle malattie di origine alimentare colpisce bambini sotto i 5 anni. Le malattie a

trasmissione alimentare costituiscono, quindi, una sfida importante per la salute pubblica e sono un chiaro esempio dell’importanza di un approccio integrato 'One Health'. Il controllo di malattie come la listeriosi o di focolai di infezioni da salmonella non può essere efficace se non attraverso un lavoro coordinato tra professionisti di sanità umana, sanità animale, sicurezza alimentare e ambientale". Così Francesco Vairo, responsabile del Seresmi, durante il corso 'Malattie a trasmissione alimentare: dalla diagnosi alle azioni di sanità pubblica', tenutosi oggi all'Inmi Spallanzani di Roma.  

"Elemento fondamentale è poi la prevenzione individuale attraverso la conoscenza e l'applicazione di alcune regole di base nella manipolazione, preparazione e conservazione degli alimenti come il lavaggio delle mani, la cottura adeguata, le adeguate temperature di conservazione che permettono di evitare di ammalarci e tenere al sicuro i nostri cari dalle malattie di origine alimentare", ha aggiunto Vairo.  

"Per una gestione ottimale delle malattie trasmesse attraverso gli alimenti - ha concluso - è necessario un approccio congiunto multidisciplinare che coinvolga diversi ambiti tra cui la medicina clinica, l'epidemiologia, la medicina di laboratorio, la medicina veterinaria, la microbiologia e la chimica degli alimenti, la sicurezza e il controllo del cibo, la comunicazione e la gestione del rischio". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.