Vitiligine, dermatologo Paro Vidolin: "Sì al sole ma con creme per patologia"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Gio, Lug

Vitiligine, dermatologo Paro Vidolin: "Sì al sole ma con creme per patologia"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Le persone che soffrono di vitiligine – nel nostro Paese sono 330mila - possono esporsi al sole ma con alcuni accorgimenti importanti. "Oggi esistono delle strategie, dei solari dedicati per la vitiligine, quindi la possibilità di utilizzare un solare ad alta protezione 50+, sulla cute normale e un solare dedicato

che abbia una filtrazione un po' più alta per i raggi Uva, con un fattore 30, e un fattore 15 per i raggi Uvb". Così Andrea Paro Vidolin, responsabile Centro Fotodermatologia dell'ospedale Israelitico di Roma, all’Adnkronos Salute spiega come poter affrontare la bella stagione, quindi l’esposizione ai raggi solari, se si convive con una condizione dermatologica che, sebbene non metta a rischio la salute, può avere un impatto significativo sulla qualità della vita. 

Va comunque considerato che dove c’è la chiazza bianca mancano i melanociti, per cui esiste il pericolo di ustionarsi facilmente: ecco perché è sempre bene proteggersi adeguatamente per evitare l’effetto contrario e aggravare la patologia. In molti pazienti, successivamente all’esposizione solare, si può notare una ripigmentazione spontanea della vitiligine, "ciò significa che il sole può essere un nemico e alleato al contempo, per cui è bene esporsi sempre protetti e applicare il buon senso, evitando l’esposizione ai raggi del sole negli orari meno indicati, per essere chiari dalle 12 alle 16". 

Con le protezioni solari i pazienti con vitiligine si "possono esporre tranquillamente, naturalmente sempre adottando le regole generali della fotoprotezione – avverte Paro Vidolin - quindi sicuramente dopo 2-3 ore di esposizione conviene usare un fattore più alto. L’esposizione al sole non deve mai avvenire nelle ore centrali della giornata. Si tratta di precauzioni utili a tutti, ma che devono essere osservate soprattutto da chi soffre di questa patologia". Oltre ai i fotoprotettori attivi, per aree cutanee depigmentate a protezione U, sì a cappelli, occhiali e indumenti adatti a proteggere la pelle interessata dalle macule bianche tipiche di questa malattia. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.