Lega in presidio, 74 parlamentari stanotte in Senato e Camera
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Lega in presidio, 74 parlamentari stanotte in Senato e Camera

Lega in presidio, 74 parlamentari stanotte in Senato e Camera

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sono 74 i parlamentari della Lega che trascorreranno la notte nelle aule della Camera e del Senato.

Lega in presidio, 74 parlamentari stanotte in Senato e Camera
Lega in presidio, 74 parlamentari stanotte in Senato e Camera

 

Presenti, tra gli altri, Matteo Salvini a Palazzo Madama ed entrambi i capigruppo nei rispettivi emicicli. Domani mattina, informa una nota della Lega, proseguirà la staffetta di deputati e senatori che non ostacoleranno i lavori parlamentari già previsti. 

Anzi, fanno notare, sono i deputati della maggioranza che hanno chiesto (e ottenuto nella capigruppo) che domani l’Aula di Montecitorio non votasse il decreto, rimandato a martedì prossimo, per "esser certi di riuscire a partire entro il 10 maggio". Una "vergogna" e un "affronto" nei confronti di milioni di italiani che un lavoro non ce l’hanno più o, nel migliore dei casi, è sospeso come la vita di tutti in questa emergenza da Covid 19. "Noi resteremo a oltranza nelle aule rispettando le regole e silenziosamente", fanno sapere i rappresentanti della Lega, finché "il governo non darà risposte precise sul fronte della sicurezza sanitaria, della ripresa del lavoro, del ripristino delle libertà, dei diritti e della democrazia nel Paese e nel Parlamento". Al momento però, l’unica certezza è che il "tanto sbandierato decreto aprile è definitivamente sparito dalle agende dell’esecutivo e prima di maggio il governo non approverà alcun provvedimento. Intanto famiglie e imprenditori continuano a soffrire". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook