Cani annusa-Covid, al via sperimentazione in Gb
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Gio, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Cani annusa-Covid, al via sperimentazione in Gb

images/stories/ilcentrotirreno/1-news/salute/2020/virus_cani_anticovid_afp.jpg

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Anche i cani 'arruolati' nella lotta al coronavirus. La Gran Bretagna ha infatti annunciato una sperimentazione per vedere se cani da fiuto specializzati possono rilevare la presenza di Sars-Cov-2 nell'uomo.

Cani annusa-Covid, al via sperimentazione in Gb
Cani annusa-Covid, al via sperimentazione in Gb

 

Questi animali sono già stati addestrati a rilevare gli odori di alcuni tumori, la malaria e il Parkinson, come ricorda l'ente benefico Medical Detection Dogs. La prima fase del trial, riferisce la Bbc, sarà guidata dalla London School of Hygiene & Tropical Medicine, insieme Medical Detection Dogs e alla Durham University. 

La sperimentazione è stata finanziata con 500.000 sterline dal governo. Lord Bethell, ministro dell'Innovazione, ha fatto sapere di sperare che i cani possano fornire "risultati rapidi" per scovare il microrganismo. La sperimentazione metterà dunque alla prova un drappello di "cani Covid" - Labrador e cocker spaniel - per capire se possono individuare il virus nell'uomo dall'odore prima che compaiano i sintomi. Obiettivo, utilizzare in futuro gli animali come sistema di allarme rapido per rilevare il virus, dal momento che questi cani potrebbero valutare fino a 250 persone l'ora. La prima fase della sperimentazione coinvolgerà il personale del servizio sanitario britannico negli ospedali di Londra, impegnato a raccogliere campioni di odore da pazienti infettati e non. Sei cani - Norman, Digby, Storm, Star, Jasper e Asher - seguiranno l'addestramento per identificare il virus 'a naso'. Secondo gli ideatori del progetto la formazione potrebbe richiedere da sei a otto settimane. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook