Vaccino Oxford, "400 milioni di dosi da settembre"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Dom, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Vaccino Oxford, "400 milioni di dosi da settembre"

Vaccino Oxford, "400 milioni di dosi da settembre"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

AstraZeneca "ha concluso i primi accordi" per la produzione del candidato vaccino contro Covid-19 allo studio presso l'università di Oxford "per almeno 400 milioni di dosi e finora ha garantito una capacità produttiva totale pari a 1 miliardo di dosi. Le prime consegne avverranno a settembre 2020".

Vaccino Oxford,
Vaccino Oxford, "400 milioni di dosi da settembre"

 

Lo annuncia la società britannica in una nota, dove precisa di stare "collaborando con un certo numero di Paesi e organizzazioni per rendere il vaccino dell'università di Oxford ampiamente accessibile in tutto il mondo, in modo equo". 

AstraZeneca "mira a concludere ulteriori accordi supportati da diverse catene di fornitura parallele, che espanderanno ulteriormente la capacità produttiva nei prossimi mesi, in modo da garantire la fornitura di un vaccino a livello globale". L'azienda annuncia di aver "ricevuto oggi oltre 1 miliardo di dollari dalla Us Biomedical Advanced Research and Development Authority (Barda) per lo sviluppo, la produzione e la fornitura del vaccino, a partire dall'autunno. Il programma di sviluppo include uno studio clinico di fase III con 30.000 partecipanti e uno studio pediatrico". 

Inoltre, la società si sta impegnando con organizzazioni internazionali come Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (Cepi), Gavi the Vaccine Alliance e l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), per un'equa allocazione e distribuzione del vaccino in tutto il mondo. Sta anche discutendo con i governi di tutto il mondo per aumentare l'accesso al siero. Infine, sta discutendo con il Serum Institute of India e altri potenziali partner per aumentare la produzione e la distribuzione. La società - precisa la nota - rifornirà il Regno Unito a partire da settembre ed è grata per l'impegno del governo Gb e il lavoro complessivo sui vaccini.  

"Questa pandemia - sottolinea nella nota Pascal Soriot, amministratore delegato di AstraZeneca - è una tragedia globale ed è una sfida per tutta l'umanità. Dobbiamo sconfiggere il virus insieme o continuerà a infliggere enormi sofferenze e a lasciare cicatrici economiche e sociali di lunga durata in tutti i paesi del mondo. Siamo così orgogliosi di collaborare con l'università di Oxford per trasformare il loro lavoro innovativo in un vaccino che possa essere prodotto su scala globale. Vorremmo ringraziare i governi degli Stati Uniti e del Regno Unito per il loro sostanziale supporto per accelerare lo sviluppo e la produzione del siero, che faremo tutto il possibile per rendere rapidamente e ampiamente disponibile". 

Grazie all'accordo di licenza concluso con l'università di Oxford, il vaccino ricombinante precedentemente noto come ChAdOx1 nCoV-19 si chiamerà ora Azd1222. AstraZeneca ha anche accettato di sostenere la creazione di un centro di ricerca congiunto all'università di Oxford per la ricerca sulla preparazione alla pandemia. Il mese scorso è stato avviato uno studio clinico di fase I/II su Azd1222 per valutare la sicurezza, l'immunogenicità e l'efficacia in oltre 1.000 volontari sani di età compresa tra 18 e 55 anni in diversi centri dell'Inghilterra meridionale. A breve sono attesi i dati dallo studio che, se positivi, porterebbero a studi di fase avanzata in numerosi Paesi. AstraZeneca riconosce che il vaccino potrebbe non funzionare, ma si impegna a far progredire il programma clinico con velocità e ad aumentare la produzione.  

La risposta alla pandemia della società comprende anche una rapida mobilitazione degli sforzi di ricerca globali nel campo di nuovi anticorpi neutralizzanti il ​​coronavirus, per prevenire e curare la progressione della malattia Covid19, con l'obiettivo di raggiungere studi clinici nei prossimi 3-5 mesi. Inoltre, l'azienda è passata rapidamente alla sperimentazione di medicinali nuovi ed esistenti per il trattamento dell'infezione, come gli studi Calavi e Accord in corso per Calquence* (acalabrutinib) e lo studio Dare-19 per Farxiga* (dapagliflozin) su pazienti Covid19.  

Non si prevede - si puntualizza nella nota - che l'annuncio di oggi abbia un impatto significativo sugli orientamenti finanziari della società per il 2020; le spese per far progredire il vaccino dovrebbero essere compensate dai finanziamenti dei governi. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook