Recovery Fund da 750 miliardi, all'Italia oltre 170
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Sab, Lug
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Recovery Fund da 750 miliardi, all'Italia oltre 170

Recovery Fund da 750 miliardi, all'Italia oltre 170

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"L'Italia otterrà oltre 170 miliardi: 80 mld in trasferimenti e 90 mld in prestiti stando alle chiavi di ripartizioni adottate".

Recovery Fund da 750 miliardi, all'Italia oltre 170
Recovery Fund da 750 miliardi, all'Italia oltre 170

 

Queste le ipotesi avanzate all'Adnkronos da fonti di governo, mentre si attende che la presidente della Commissione Ue Ursula Von der Leyen formalizzi la sua proposta di Recovery Fund.  

La Commissione Europea "propone un Fondo di Recovery da 750 miliardi, che si aggiunge agli strumenti comuni già varati. Una svolta europea per fronteggiare una crisi senza precedenti". Ne dà intanto notizia il commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni, su un social network, usando l'hashtag NextGenerationEu, il nome scelto per il piano. 

Per affrontare la "sfida straordinaria" della crisi provocata dalla pandemia di Covid-19 e preparare "un futuro migliore", la Commissione Europea "propone un nuovo Recovery Instrument, chiamato Next Generation Eu, all'interno di un bilancio Ue a lungo termine rinnovato. In totale, questo Recovery Plan europeo stanzia 1,85 bilioni di euro (a prezzi del 2018) per aiutare a far ripartire l'economia e assicurare che l'Europa rimbalzi e vada avanti". Lo scrive la Commissione Europea, in una delle comunicazioni approvate oggi dal collegio dei commissari. 

Insieme alle "reti di sicurezza per lavoratori, imprese e titoli di Stato", vale a dire rispettivamente il piano Sure, quello della Bei e le linee di credito del Mes, che valgono complessivamente "540 mld" di euro, le "misure eccezionali" adottate a livello Ue per combattere la crisi provocata dalla pandemia di Covid-19 "raggiungerebbero 1.290 mld di euro di sostegni mirati e anticipati alla ripresa europea. Applicando stime conservative dell'effetto leva dell'Mff, il Quadro Finanziario Pluriennale dell'Ue per il 2021-27, e di Next Generation Eu, gli investimenti totali che potrebbero essere generati da questo pacchetto di misure ammonta a 3,1 bilioni di euro", cioè 3.100 mld, questa la stima della Commissione Europea. E' comunque una stima che va presa con le dovute cautele: in una nota a piè di pagina si precisa che i 1.290 mld (e quindi anche il totale finale) si basano su assunzioni che riguardano "i moltiplicatori attesi e i risultati ottenuti da strumenti comparabili. Tuttavia - si legge - l'accuratezza dei moltiplicatori attesi potrebbe essere impattata negativamente dalla volatilità dell'attuale situazione economica". 

"Solidarietà, coesione e convergenza devono guidare la ripresa dell'Europa. Nessuna persona, nessuna regione, nessuno Stato membro dev'essere lasciato indietro", si legge ancora nel documento che prevede come, nello scenario peggiore caratterizzato da una "seconda ondata" della pandemia di Covid-19 e "misure di lockdown estese", il Pil dell'Ue potrebbe registrare una caduta "fino al 16%" nel 2020. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook