Mes, Gentiloni: "All'Italia conviene"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Ven, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Mes, Gentiloni: "All'Italia conviene"

Mes, Gentiloni: "All'Italia conviene"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'appello sul Mes lanciato tra gli altri da Confindustria, Ance, Abi a utilizzare tutte le risorse messe a disposizione dall'Europa, Mes compreso, "è sicuramente una richiesta ragionevole.

Mes, Gentiloni:
Mes, Gentiloni: "All'Italia conviene"

 

Stiamo parlando di un pacchetto di prestiti che sono particolarmente vantaggiosi per Paesi che hanno normalmente un tasso di interesse più alto. A un Paese come l'Italia conviene avere questi tre tipi di prestiti, più che ad altri Paesi". Così Paolo Gentiloni, Commissario europeo per l’Economia, ospite di 24 Mattino su Radio 24. 

Per quanto riguarda il Mes "per Spagna e Grecia valgono le stesse considerazioni che valgono per l'Italia, poi vedremo se il governo spagnolo o il governo greco lo utilizzeranno o meno. Io non ho informazioni che non lo utilizzino, e neanche che ne abbiano già fatto richiesta. Teniamo conto che questo strumento è disponibile da 10 giorni, non è che sta lì in attesa da mesi". 

"La forza del modello europeo - continua Gentiloni - è il mercato unico, per questo bisogna stare attenti che discorsi sui ‘campioni europei’ non portino dietro effetti diversi, monopolistici, e che avvantaggerebbero alcuni paesi rispetto ad altri. Quando abbiamo sospeso le regole normali sugli aiuti di Stati, abbiamo ricevuto presso la Commissione domande per 2300 miliardi per aiuti in deroga: di questi circa la metà sono venute solo da un paese, la Germania", spiega ancora, segnalando come questo dato evidenzia "un potere di bilancio diverso da paese, e senza regole mercato unico questo può portare a una differenza fra paesi molto pericolosa". 

"Questa occasione - dice il commissario Ue - dovrebbe essere utilizzata per affrontare obiettivi, di ciascun Paese e a livello europeo, di una certa importanza: la transizione ambientale, l'innovazione tecnologica e digitale. Abbiamo da risolvere in molti Paesi problemi antichi e questa è l'occasione per avere risorse in questa direzione".  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook