Sileri: "Dico no a dati giornalieri su virus"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mer, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Sileri: "Dico no a dati giornalieri su virus"

Sileri: "Dico no a dati giornalieri su virus"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I contagi da Covid-19 in Italia stanno aumentando? "Io, ma ormai si sa, sono contro la divulgazione dei numeri giorno per giorno".

Sileri:
Sileri: "Dico no a dati giornalieri su virus"

 

"Messi così sono fuorvianti e non servono", perché "ci sono fluttuazioni giornaliere" che confondono. Però "io sono uno solo, sono l'unico medico del Governo". A ribadire la propria contrarietà ai bollettini quotidiani sui dati dell'epidemia di nuovo coronavirus è il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, intervenuto a 'Omnibus' su La7: "Andrebbe dato il trend settimanale - dice - comparato al numero di tamponi fatti, a chi sono stati fatti, a come stanno questi pazienti". 

"Io i numeri così non li darei - ripete Sileri - perché se calano tutti stappano bottiglie di spumante, poi se il giorno dopo aumentano si grida alla tragedia. Ma i tamponi positivi quando sono stati fatti, e a chi? Perché se tu hai una Rsa dove il lavoro eccezionale della Regione Lazio consente di individuare tutti i positivi e bloccarli immediatamente, è chiaro che avrai più casi, che avrai individuato una microarea che può essere considerata 'rossa', ma quei contagi sono tutti sotto controllo".  

Tornando all'ultimo aggiornamento sui contagi, "è vero che potrebbe esserci un aumento - ragiona il viceministro - perché la fine del lockdown è avvenuta in una tempistica per cui oggi potremmo vedere gli effetti della libertà e magari del non rispetto delle regole". Però "non sono preoccupato anche perché il numero dei focolai in Italia si è dimezzato", osserva Sileri lodando il Lazio come "un esempio di come si gestisce un problema" di focolaio quale quello all'Irccs San Raffaele Pisana. Ma in generale, conclude, oggi "tutte le Regioni sono pronte e allenate a gestire situazioni del genere". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook