Focolaio in un mercato a Pechino, lockdown in aree vicine
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mer, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Focolaio in un mercato a Pechino, lockdown in aree vicine

Focolaio in un mercato a Pechino, lockdown in aree vicine

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Quarantasei persone sono state trovate positive ai test per il Covid-19 a Pechino, dove due giorni fa era stato riscontrato il primo contagio dopo 56 giorni. Il nuovo focolaio è legato al mercato all'ingrosso di Xinfadi, il principale della capitale cinese. 

Focolaio in un mercato a Pechino, lockdown in aree vicine
Focolaio in un mercato a Pechino, lockdown in aree vicine

 

Su 517 test eseguiti tra i lavoratori del mercato, 45 sono risultati positivi, mentre un altro contagio è stato registrato in una persona che lavora nel mercato di prodotti agricoli nel distretto di Haidian. Quest'ultimo era stato a stretto contatto con uno dei 45 trovati positivi a Xinfadi, come hanno spiegato le autorità locali. Complessivamente sono stati eseguiti 1.940 tamponi ai lavoratori dei mercati della capitale. Tutte le 46 persone che hanno contratto il virus non mostrano sintomi e sono sotto stretta osservazione. 

Le autorità di Pechino hanno imposto il lockdown a 11 comunità residenziali che si trovano nei pressi del mercato, situato nel quartiere meridionale di Fengtai, entrato in "modalità bellica" e dove a breve 10mila persone saranno testate. 

Tutti coloro che sono stati in contatto con il mercato o con chi ci lavorava dal 30 maggio saranno sottoposti a tamponi, ha reso noto Gao Xiaojun, portavoce della Commissione per la sanità di Pechino. In città saranno anche inasprite le ispezioni sui mercati di alimenti, in cui si vendono prodotti freschi e carni, ma anche su supermercati e negozi di alimentari, ha precisato il vice direttore per l'ufficio per i mercati, Chen Yankai. Sia il primo nuovo caso di Covid-9 denunciato a Pechino giovedì, che i sei diagnosticati ieri, erano stati in contatto con il mercato o con persone che ci lavoravano. 

Xinfadi, che è il principale mercato all'ingrosso di frutta, verdura e carne di Pechino, che si estende su 112 ettari e nel quale lavorano 1.500 persone con 4.000 banchi, oggi è stato chiuso per essere disinfestato. Dopo la scoperta del focolaio di Covid-19, sono stati chiusi scuole e asili nido nei pressi del mercato.  

Le autorità locali hanno fatto risalire l'ondata di contagi a un tagliere usato per il salmone importato. Le principali catene di supermercati di tutta la città hanno successivamente rimosso il salmone dai loro scaffali, secondo quanto riferito dal Beijing Youth Daily. 

Il mercato generale di Xinfadi, nel distretto periferico di Fengtai, fornisce il 90 per cento della frutta e della verdura consumata a Pechino, l'80 per cento se si include anche la carne. In via precauzionale, sono stati chiusi provvisoriamente anche altri undici mercati di Pechino in cui si vendono pesce e frutta e verdura. Le autorità locali hanno prelevato più di 5mila campioni di alimenti nei diversi mercati e negozi su cui verranno effettuate analisi. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook