Coronavirus, Sileri: "No a clima di terrore su nuova ondata"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Sab, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Sileri: "No a clima di terrore su nuova ondata"

Coronavirus, Sileri: "No a clima di terrore su nuova ondata"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"L'Italia deve ripartire e non bisogna creare un clima di terrore rispetto a una nuova ondata di emergenza sanitaria da coronavirus".

Coronavirus, Sileri:
Coronavirus, Sileri: "No a clima di terrore su nuova ondata"

 

Lo scrive sulla sua pagina Facebook il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri in un post dedicato alla sua partecipazione all’iniziativa 'Ripartiamo in sicurezza', oggi a piazza Cavour, davanti alla Corte di Cassazione a Roma. Un'iniziativa "lodevole perché consente uno screening utile a tutta la comunità. L’idea di fare da oggi al 17 luglio screening sierologici a tutti gli iscritti dell’Ordine degli avvocati della Capitale con il supporto della Cassa forense e della Fondazione Gemelli significa fare rete e ripartire senza paura, con consapevolezza e sicurezza", ribadisce sottolineando che verranno fatti "quasi 30mila test e a tutti coloro che saranno testati positivi verranno somministrati test sierologici del sangue e il tampone".  

Per Sileri "dobbiamo ripartire consapevoli che il virus c'è e bisogna conviverci. Se continuiamo a creare terrore, l'Italia non riparte. Se dovesse tornare una situazione di emergenza, controlleremo i focolai, ma dobbiamo prepararci anche a questo, potranno esserci altre zone rosse, ma a ottobre con l'esperienza avuta in questi mesi saremo in grado di fare quello che dobbiamo fare, non ci saranno più i mille morti al giorno che abbiamo visto. Siamo stati i primi in Europa a chiudere e con i lockdown secondo alcuni studi abbiamo salvato 600mila persone. Poteva essere fatto meglio? Sì, ma dieci anni fa quando la sanità pubblica doveva essere rafforzata". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook