Coronavirus, Oms: "Possibile trasmissione via aerosol al chiuso, servono più studi"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Lun, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Oms: "Possibile trasmissione via aerosol al chiuso, servono più studi"

Coronavirus, Oms: "Possibile trasmissione via aerosol al chiuso, servono più studi"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Sono stati segnalati focolai di Covid-19 in alcuni ambienti chiusi, come ristoranti, locali notturni, luoghi di culto o luoghi di lavoro.

Coronavirus, Oms:
Coronavirus, Oms: "Possibile trasmissione via aerosol al chiuso, servono più studi"

 

Nel caso di alcuni di questi focolai non è possibile escludere la trasmissione via aerosol, in particolare in spazi affollati e poco ventilati in cui le persone infette trascorrono lunghi periodi di tempo. Ulteriori studi sono urgentemente necessari per indagare su tali casi e valutare il loro significato per la trasmissione di Covid-19". Lo afferma l'Organizzazione mondiale della sanità in un approfondimento scientifico sulla trasmissione di Covid-19. Nei giorni scorsi centinaia di esperti avevano chiesto all'Oms di tener conto del rischio legato all'aerosol.  

Covid-19, precisa l'Oms, si diffonde principalmente "tra le persone attraverso un contatto diretto, indiretto (attraverso oggetti o superfici contaminati) o stretto con soggetti infetti tramite le secrezioni di bocca e naso. Queste includono saliva, secrezioni respiratorie o goccioline (droplets). Queste vengono rilasciate quando una persona infetta tossisce, starnutisce, parla o canta, per esempio. Le persone che sono in stretto contatto (entro 1 metro) con una persona infetta possono contrarre Covid-19 quando queste goccioline cariche di virus entrano in bocca, naso o occhi". Oppure attraverso superfici contaminate.  

"Alcune procedure mediche - ricorda ancora l'Oms - possono produrre goccioline molto piccole (chiamate goccioline di aerosol o aerosol) che sono in grado di rimanere sospese nell'aria per periodi di tempo più lunghi". Quando tali procedure mediche vengono condotte su persone infette da Covid-19, questi aerosol possono contenere il virus e "possono potenzialmente essere inalati da altri soggetti presento, se non indossano adeguati dispositivi di protezione individuale. Pertanto, è essenziale che tutti gli operatori sanitari che eseguono queste procedure mediche adottino specifiche misure di protezione - raccomanda l'Oms - I visitatori inoltre non dovrebbero essere autorizzati nelle aree in cui tali procedure mediche vengono eseguite". 

Per evitare il contatto con le goccioline cariche di virus "è importante stare ad almeno 1 metro di distanza dagli altri, pulire frequentemente le mani e coprire la bocca con un fazzoletto o un gomito piegato quando si starnutisce o si tossisce. Quando il distanziamento fisico (in piedi a un metro o più di distanza) non è possibile, è bene indossare una mascherina di tessuto. Anche la pulizia frequente delle mani è fondamentale", conclude l'Oms. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook