Conte: "Covid sfida ancora insidiosa, ma Stato c'è"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Sab, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Conte: "Covid sfida ancora insidiosa, ma Stato c'è"

Conte: "Covid sfida ancora insidiosa, ma Stato c'è"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La pandemia di coronavirus in Italia "è stata una sfida molto insidiosa, in parte lo è ancora, anche se adesso possiamo dire che ci siamo meglio attrezzati, abbiamo rinforzato le nostre strutture ospedaliere, sicuramente adesso la risposta del sistema sanitario sarà più pronta anche in caso di cattive evenienze".

Conte:
Conte: "Covid sfida ancora insidiosa, ma Stato c'è"

 

Lo ha detto il premier Giuseppe Conte intervenendo al concerto della Polizia di Stato davanti Viminale organizzato per ricordare le vittime del covid e l'impegno del personale sanitario. 

"Lo Stato c'è, non c'è stato mai un momento" durante la crisi provocata dal coronavirus "in cui io non abbia pensato che le nostre istituzioni così salde non reggessero la prova", ha sottolineato ancora il premier, aggiungendo: "Tutto il Paese ha risposto e tutti i cittadini. Questo ci ha reso una comunità più solida, più forte e più resiliente e io sono orgogliosissimo della nostra comunità nazionale". Se "ho avuto la convinzione che lo Stato c'è - ha continuato Conte - è anche per un corpo come quello della polizia che è un corpo solido, ha un'esperienza incredibile, con donne e uomini che sanno fare il loro lavoro. Grazie a tutti, grazie al personale sanitario, a quelli dei mezzi di trasporto e ai cittadini". 

"Grazie a chi in questi mesi ha combattuto in prima linea, siamo fieri dei nostri medici che sono stati straordinariamente vicini ai nostri uomini e donne e a tutti quelli che avevano bisogno". Così il capo della Polizia, Franco Gabrielli, intervenendo in apertura prima del Concerto. "Questo è anche il momento del ricordo per quelli che non ci sono più, che hanno pagato lo strazio di non essere accompagnati, fra questi ci sono anche nostro appartenenti: Maria, Giorgio e Walter , ai quali va il nostro commosso pensiero" ha aggiunto. Gabrielli ha ricordato anche Ennio Morricone, "un grande italiano vicino alla nostra amministrazione e alla nostra Banda" sottolineando che il luogo scelto per la serata, "è davanti al Viminale, la nostra casa, il ministero dei diritti e delle libertà, che garantisce la civile convivenza".  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook