Boccia: "Paese non sottovaluti virus, pronti a chiudere zone"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Boccia: "Paese non sottovaluti virus, pronti a chiudere zone"

Boccia: "Paese non sottovaluti virus, pronti a chiudere zone"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Tanti elettori di centrodestra sanno che è un atto dovuto proposto dal Governo che ha messo in sicurezza sanitaria il Paese".

Boccia:
Boccia: "Paese non sottovaluti virus, pronti a chiudere zone"

 

Lo dice in un'intervista al 'Messaggero' il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, sottolineando a proposito del prolungamento dello stato di emergenza. E alla domanda se il lockdown abbia penalizzato il centro-sud, che ha avuto pochi casi di coronavirus rispetto al nord, risponde: "Sono morti italiani anche al Sud, anche se i numeri sono stati diversi. Parlare con quelle famiglie dà il senso di quanto sia stato giusto chiudere tempestivamente tutto il Paese. Ci siamo basati sulle valutazioni del comitato tecnico-scientifico, sui rischi potenziali e ci siamo assunti le responsabilità".  

Quanto al futuro, "oggi è diverso - sottolinea Boccia - ci sono strumenti e conoscenze e lo prevede già la legge in vigore che sarà possibile circoscrivere i territori in caso di crisi improvvise". E fa l'esempio dei Paesi dove i presidenti hanno assunto decisioni politiche in contrasto con i propri staff tecnico-scientifici: "Chi ha sottovalutato i rischi - dice - ha fatto pagare un prezzo alto al suo popolo. Dagli Usa al Brasile, dal Regno Unito a gran parte del Sud America". Quanto agli italiani, secondo Boccia, stanno sottovalutando il virus: "Hanno fatto male alcune esternazioni che per quanto fondate e non ho alcun dubbio a considerarle tali, hanno potuto influenzare la gente e far credere che sia tutto finito. A questo proposito farei parlare ogni giorno un infermiere o un medico di un reparto Covid. Vediamo se ci dice che è tutto finito". E aggiunge: "Se l'epidemia torna a dilagare rischiamo di non poterci rialzare più. Chi non usa la mascherina nei luoghi in cui è obbligatoria o partecipa ad assembramenti è un irresponsabile. E chi lo giustifica è peggio di lui", conclude. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook