Covid, Bassetti: "Virus non è più lo stesso, mortalità è a zero"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Gio, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, Bassetti: "Virus non è più lo stesso, mortalità è a zero"

Covid, Bassetti: "Virus non è più lo stesso, mortalità è a zero"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"I dati della Clinica Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova (di prossima pubblicazione) confermano quanto detto" in merito all'andamento dell'epidemia di Covid-19 in Italia: "Abbiamo avuto 323 ricoverati. La mortalità ospedaliera dei pazienti ospedalizzati nei mesi da febbraio a maggio è stata dell'11,4%, quella nei mesi di giugno e luglio è stata 0.

Covid, Bassetti:
Covid, Bassetti: "Virus non è più lo stesso, mortalità è a zero"

 

Questi sono numeri. Non ipotesi e supposizioni". Lo sottolinea Matteo Bassetti, direttore di Malattie infettive al S.Martino e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita). 

"Diamo un po' di numeri", scrive il medico in un post su Facebook. "I dati diffusi ieri dal ministero della Salute ci dicono che i ricoverati in terapia intensiva (48) e negli altri reparti ospedalieri sono in continua diminuzione. Questo a fronte di un incremento del numero dei soggetti risultati positivi al tampone per Sars-CoV-2 ovvero di soggetti, per la maggioranza, asintomatici, portatori sani di virus. E' evidente che oggi è tutto molto diverso rispetto a 5 mesi orsono", afferma l'infettivologo.  

"Questi dati - aggiunge - evidenziano come negli ultimi 2/3 mesi sia profondamente cambiata la presentazione e l'evoluzione clinica della malattia. Non è più la stessa che abbiamo conosciuto a marzo", assicura Bassetti. "Chi come me lavora in ospedale dall'inizio della epidemia italiana - sostiene - ha potuto vedere un cambio repentino della capacità di mordere e di far male da parte di questo virus".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook