Coronavirus Roma, chiusi locali a Trastevere e Ponte Milvio per norme violate - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mar, Apr

Coronavirus Roma, chiusi locali a Trastevere e Ponte Milvio per norme violate

Coronavirus Roma, chiusi locali a Trastevere e Ponte Milvio per norme violate

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nella nottata di ieri, gli agenti della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale di Roma, diretti da Angela Cannavale, hanno dato il via ad una serie di controlli a tappeto nelle zone più "calde" della movida romana finalizzati al rispetto della normativa per il contrasto della diffusione del virus Covid- 19 e ad evitare il degrado urbano.

Coronavirus Roma, chiusi locali a Trastevere e Ponte Milvio per norme violate
Coronavirus Roma, chiusi locali a Trastevere e Ponte Milvio per norme violate

 

Nel corso dell'attività, è stata disposta direttamente sul posto dai poliziotti, l'immediata chiusura di quattro locali, di cui uno a Ponte Milvio e tre a Trastevere. In particolare, gli agenti, al fine di monitorare l'effettivo rispetto dei protocolli cui devono attenersi i gestori degli esercizi pubblici, si sono infiltrati tra i giovani, sanzionandone diversi per il mancato rispetto del distanziamento sociale ed il consumo di alcol su strada.

A Ponte Milvio, il locale è stato chiuso per due giorni. I dipendenti, infatti, non indossavano la mascherina e vi era un forte assembramento di persone, sia all’ interno che all'esterno del bar.

Dall'una alle quattro i controlli sono stati eseguiti nella zona di Trastevere, dove i poliziotti in borghese, oltre ad aver proceduto ad una bonifica di Ponte Sisto e Piazza Trilussa, hanno sanzionato i giovani assembrati che consumavano alcolici per strada. Nella circostanza sono state applicate pesanti sanzioni pecuniarie a tre esercizi commerciali: si tratta di un piccolo alimentari di un cittadino bengalese che vendeva alcol da asporto dopo le ore 23, mentre gli altri due, un esercizio etnico ed un ristorante, somministravano birre e spritz ben oltre le ore 3 del mattino.

Ai 3 locali sono state immediatamente abbassate le saracinesche, rispettivamente per uno, due e cinque giorni, a seconda delle irregolarità riscontrate e del tempo necessario per eliminarle.