Covid, morto il primo cane positivo in Usa: aveva un linfoma
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Sab, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, morto il primo cane positivo in Usa: aveva un linfoma

Covid, morto il primo cane positivo in Usa: aveva un linfoma

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Buddy, il primo cane positivo al covid negli Stati Uniti, è morto. La vicenda è raccontata dal National Geographic e rilanciata dai principali media statunitensi.

Covid, morto il primo cane positivo in Usa: aveva un linfoma
Covid, morto il primo cane positivo in Usa: aveva un linfoma

 

Il pastore tedesco, un esemplare di 7 anni, ha mostrato i primi sintomi a metà aprile. Il cane ha accusato problemi respiratori, ha perso peso ed è diventato via via più letargico. Dopo una serie di visite veterinarie, con ampio ricorso a farmaci e terapie, il 15 maggio Buddy è stato sottoposto al test per il coronavirus. Il 2 giugno, il Dipartimento della Salute di New York ha informato la famiglia Mahoney, proprietaria dell'animale, notificando l'esito positivo dell'esame. "Dici alle persone che il tuo cane è positivo e ti guardano come se tu avessi 10 teste", le parole di Allison Mahoney al National Geographic, riportate anche da Usa Today. L'11 luglio, le condizioni del cane sono ulteriormente peggiorate: Buddy ha vomitato sangue e le nuove analisi hanno evidenziato la presenza di un linfoma. I proprietari, viste le condizioni disperate, hanno deciso di ricorrere all'eutanasia.

La famiglia Mahoney e i veterinari non hanno confermato quale sia stata la patologia determinante. Le linee guida dell'Associazione americana dei medici veterinari rimangono invariate e ribadiscono che gli animali domestici non sono particolarmente esposti al coronavirus e nulla lascia ipotizzare la possibilità che possano trasmettere il virus all'uomo.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook