Covid, Sileri: "Preoccupa chi torna da vacanze più che migranti"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Gio, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, Sileri: "Preoccupa chi torna da vacanze più che migranti"

Covid, Sileri: "Preoccupa chi torna da vacanze più che migranti"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Sono preoccupato per coloro che tornano dalle vacanze. I casi di contagio riguardano più queste persone che non i migranti che vengono controllati e quarantenati".

Covid, Sileri:
Covid, Sileri: "Preoccupa chi torna da vacanze più che migranti"

 

A puntualizzarlo è il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, intervenuto oggi ad 'Agorà' su Rai3, a proposito del rischio contagi coronavirus. Sileri ribadisce la necessità di prestare "massima attenzione" ai migranti, che "devono essere testati" e "controllati perché non devono fuggire. Ma - sottolinea - sono più preoccupato dei casi che arrivano in business class". Al momento infatti, fa notare, i contagi "che osserviamo sono più dovuti a persone che tornano dalle vacanze. Ne abbiamo diversi di focolai che sono stati circoscritti e chiusi".  

Parla poi della App Immuni che, dice Sileri, "è stata sottostimata, temuta, vista come un nemico o un orpello inutile. Ma in questa fase è fondamentale". "Se tuo figlio va a ballare in una discoteca o ad una festa da 100 persone, si ricorderà i nomi dei partecipanti se dovesse risultare positivo? A luglio - ricorda Sileri - grazie a Immuni, su un treno è stato individuato un positivo ed è stato bloccato un focolaio. Con il massimo rispetto della privacy". 

"Sul vaccino credo che se ne parli troppo in questo momento, ed è prematuro". E' il pensiero del viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, che ha ricordato: il vaccino "ancora non è disponibile. O meglio è possibile che sia disponibile qualcosa di funzionante entro fine anno. Funzionare - ha puntualizzato Sileri - non significa che sia sicuro. Dobbiamo aspettare tutti i test di efficacia e sicurezza e poi il prodotto in larghe quantità. In questo momento, non avendo il vaccino a disposizione è dunque prematuro" parlarne, "anche perché non sappiamo cosa accadrà nei prossimi mesi con questa epidemia", conclude.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook