Covid, Ippolito: "Perplessità sui tempi per vaccino russo"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Lun, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, Ippolito: "Perplessità sui tempi per vaccino russo"

Covid, Ippolito: "Perplessità sui tempi per vaccino russo"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Ho qualche perplessità sui tempi, su cui non abbiamo spiegazioni.

Covid, Ippolito:
Covid, Ippolito: "Perplessità sui tempi per vaccino russo"

 

Sapevamo che a metà giugno il vaccino russo era stato testato su 38 persone, probabilmente militari, e ciò alimenta le perplessità: i tempi sono davvero molto brevi per le valutazioni. E un'altra perplessità è legata alla possibilità che la sperimentazione sia stata fatta sui soldati. E se questo fosse vero creerebbe qualche problema etico, perché i militari non possono esimersi dall'accettare la vaccinazione". Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell'Istituto Spallanzani di Roma, commenta così l'annuncio della registrazione del primo vaccino contro il coronavirus da parte della Russia.  

"Non abbiamo dati sui controlli di sicurezza fatti in Russia", dice Ippolito all'Adnkronos Salute. "Mi sembra un po' presto. Rimane quindi qualche dubbio che siano stati adottati tutti gli standard di sicurezza, speriamo che i russi ci diano presto i dati, in modo da avere chiarezza", ha aggiunto Ippolito, spiegando che il vaccino approvato, sviluppato dall'istituto Gamaleya, "è approntato con un vettore adenovirale. Come molti altri vaccini. Anche quello su cui stiamo lavorando allo Spallanzani. Il vettore adenovirale è certamente il più sicuro, il più tollerato e può dare una risposta immediata. Il vaccino russo potrebbe basarsi addirittura su 2 vettori, ma ne sapremo di più quando ci saranno fornite le evidenze".  

Il fatto che Putin abbia vaccinato la figlia "è nel migliore stile della storia delle vaccinazioni, lo hanno fatto altri prima di lui. Pare che la ragazza abbia avuto la febbre alla seconda dose. Una blanda reazione. Ma non abbiamo molti dettagli. Ripeto: potremo fare qualche valutazione solo con dati alla mano", conclude Ippolito.  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook