Berlusconi, Blasi: "Meno rischi se infiammazione Covid curata subito"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mar, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Berlusconi, Blasi: "Meno rischi se infiammazione Covid curata subito"

Berlusconi, Blasi: "Meno rischi se infiammazione Covid curata subito"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nella Covid-19 "la fase infiammatoria oltre che infettiva è molto importante, e se presa in tempi rapidi" ha un esito migliore.

Berlusconi, Blasi:
Berlusconi, Blasi: "Meno rischi se infiammazione Covid curata subito"

 

Così Francesco Blasi, direttore del Dipartimento di Medicina interna e della Uoc di Pneumologia del Policlinico di Milano, e past president della Società italiana di pneumologia, sentito dall'Adnkronos Salute, dopo la positività a Covid-19 del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ricoverato all'ospedale San Raffaele di Milano, con un principio di polmonite bilaterale.

Sulle condizioni dell'ex premier, Blasi aggiunge: "Da quello che ho letto, Berlusconi non è in questo momento ventilato, né invasivamente né non invasivamente" e ciò "abbassa sicuramente i rischi". Inoltre "ci attendiamo che le terapie che abbiamo a disposizione funzionino nel prevenire l'ulteriore sviluppo della malattia, fermo restando ovviamente che ognuno risponde in maniera diversa ai farmaci e che bisogna vedere qual è la carica virale che ha infettato, così come altri parametri di cui però non sono a conoscenza".

"Abbiamo imparato moltissimo sulla gestione di Covid-19: sappiamo cioè che è importante scoagulare il paziente, utilizzare il cortisone, abbiamo un farmaco antivirale come il remdesivir che non è altamente efficace ma che ci aiuta, quindi - riferisce lo pneumologo, che nel suo reparto ha curato circa 250 pazienti Covid tra febbraio e maggio - siamo in una situazione un po' diversa da quella di marzo-aprile. Abbiamo delle armi che possono aiutarci, e abbiamo imparato a conoscere la malattia. Dunque l'attesa di tutti è una mortalità più bassa nel prossimo futuro", conclude.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook