Coronavirus, "più casi ma poteva andare peggio"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mar, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, "più casi ma poteva andare peggio"

Coronavirus, "più casi ma poteva andare peggio"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I contagi da coronavirus Sars-CoV-2 in Italia "sono chiaramente in leggero aumento.

Coronavirus,
Coronavirus, "più casi ma poteva andare peggio"

 

Tuttavia, quando è iniziata questa crescita ad agosto, ci eravamo preoccupati perché poteva andare molto peggio di così: ci poteva essere una crescita esponenziale dei casi che ci poteva portare vicini ai valori che stanno registrando altri Paesi. Invece non è accaduto" ed è la dimostrazione che il sistema tiene. Lo ha sottolineato Antonella Viola, immunologa dell'università di Padova, commentando ad 'Agorà' su Rai 3 l'andamento dell'epidemia di Covid-19 nella Penisola.

"Ci siamo stabilizzati su un livello di contagio più alto - osserva l'esperta - però ci siamo stabilizzati. Non c'è una crescita esponenziale e questo significa che tutto il sistema ha retto. Che siano stati il tracciamento, i tamponi, l'impegno dei medici, tutto il sistema ha funzionato ed è riuscito a evitare un'escalation che avrebbe reso davvero più difficile il momento della riapertura delle scuole".

Viola parla poi dell'ipotesi di dimezzare la quarantena da 14 a 7 giorni anche in Italia, come in Francia: "Non credo che sia possibile farlo per tutti - afferma -. Potrebbe funzionare per alcuni soggetti, ma rischieremmo di mettere in circolazione delle persone ancora positive. Io assocerei questa cosa ai test rapidi: con due test rapidi ripetuti ogni 24 ore, la quarantena si potrebbe accorciare".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook