Berlusconi, Clementi: "In lui carica virale record, terapia giusta"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Lun, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Berlusconi, Clementi: "In lui carica virale record, terapia giusta"

Berlusconi, Clementi: "In lui carica virale record, terapia giusta"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La carica virale alta" riscontrata nel tampone di Silvio Berlusconi, "unitamente all'età e alla presenza di comorbidità" che lo rendevano un paziente critico, "hanno fatto pensare che ci potesse essere l'indicazione a un trattamento contro il virus e questa scelta ha portato alla guarigione".

Berlusconi, Clementi:
Berlusconi, Clementi: "In lui carica virale record, terapia giusta"

 

Così, durante un intervento a 'TimeLine' su SkyTg24, il virologo Massimo Clementi ha ribadito le ragioni che hanno motivato la strategia terapeutica decisa per l'ex premier colpito da Covid-19 e trattato con l'antivirale remdesivir.

All'indomani delle dimissioni del leader di Forza Italia dal San Raffaele di Milano, l'ordinario di Microbiologia e Virologia all'università Vita-Salute San Raffaele, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell'Irccs ospedale San Raffaele, è tornato anche sulla carica virale 'record' di Berlusconi. "Il professor Clementi del San Raffaele ha studiato il mio tampone - aveva ripetuto ieri il Cavaliere - ed è rimasto sorpreso dall'entità della carica virale che è stata la più alta tra decine di migliaia osservate al San Raffaele".

Premettendo che "un paziente è liberissimo di dire che ha il colesterolo alto o basso", ma "a me non piace molto commentare i dati dei singoli pazienti", il virologo spiega: "E' noto che a Berlusconi, inizialmente asintomatico, successivamente è stata identificata un'iniziale forma di polmonite bilaterale. Al tempo stesso è stato quantificato il virus nel tampone naso-faringeo e si è visto che la carica virale era alta". Ciò considerato, data la tipologia di paziente, si è optato appunto per la somministrazione dell'antivirale. "Aver avuto un'idea della carica iniziale - conclude Clementi - ci ha consentito di valutare nel tempo l'efficacia del trattamento e di vedere un decremento fino all'ultimo tampone fatto il giorno delle dimissioni. Adesso stiamo aspettando, perché la legge prevede che ci siano due tamponi negativi". Finché non li avrà, l'ex presidente del Consiglio resterà in isolamento.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook