Coronavirus, "contro rischi seconda ondata 2 armi cruciali"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Gio, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, "contro rischi seconda ondata 2 armi cruciali"

Coronavirus, "contro rischi seconda ondata 2 armi cruciali"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"I numeri che si registrano a livello internazionale evidenziano come, per evitare il rischio di una seconda ondata, siano due le armi cruciali: non solo i vaccini in fase di sviluppo, ma anche gli anticorpi monoclonali, utili come terapia ma anche per profilassi".

Coronavirus,
Coronavirus, "contro rischi seconda ondata 2 armi cruciali"

 

A sottolinearlo all'Adnkronos Salute è il genetista dell'Università di Roma Tor Vergata, Giuseppe Novelli, che ricorda come, "in base agli ultimi studi clinici, gli anticorpi monoclonali si stiano dimostrando promettenti. Non solo quelli toscani. Inoltre dalla ricerca arrivano notizie che fanno ben sperare sull'efficacia dei candidati vaccini. Sars-CoV-2 presenta infatti una bassa variabilità se confrontato ad altri virus. E questo è un elemento positivo".

Anche se d'altra parte "è emersa una grande eterogeneità della risposta anticorpale, e questo aspetto va approfondito: perché alcuni pazienti sviluppano anticorpi neutralizzanti e altri no? Che ruolo ha la memoria immunitaria? Dopo le ultime segnalazioni relative alla sicurezza, appare evidente inoltre l'importanza di non bruciare le tappe nella ricerca sui vaccini. E' importante arrivare alla fine della fase III - conclude Novelli - Ma è anche importante investire nella ricerca sugli anticorpi monoclonali: più ce ne sono e meglio sarà".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook