Sileri: "Riapertura controllata stadi è fattibile"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Mar, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Sileri: "Riapertura controllata stadi è fattibile"

Sileri: "Riapertura controllata stadi è fattibile"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Se si aprono gli stadi a "mille persone, faccio fatica a pensare che queste mille persone con le mascherine e distantissime fra loro, possano contagiarsi.

Sileri:
Sileri: "Riapertura controllata stadi è fattibile"

 

Una riapertura controllata degli stadi, secondo me, è fattibile: certo parametrata al numero dei contagi che vediamo settimanalmente. Se rimangono stabili, man mano si potranno aumentare gli spettatori a 2mila e così via. Se invece assistiamo a una circolazione del virus troppo alta, non potremo permetterci il lusso di riaprire gli stadi". Lo afferma il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite dell''Italia si è desta' su Radio Cusano Campus. Sileri è, dunque, per una "apertura controllata, graduale, in sicurezza, con regole ferree, ad esempio niente baci e abbracci".  

"Il rispetto delle regole è libertà, ci garantisce di poter tornare a una normalità", continua il viceministro, commentando la risposta del presidente della Repubblica Mattarella al premier inglese Boris Johnson. "I numeri" di Covid-19 più bassi rispetto agli altri Paesi europei "sono tali grazie agli italiani, che hanno rispettato le regole - sottolinea - gli va riconosciuto. Poi è un po' di merito anche a chi le regole le ha date. continuando così i casi risaliranno ma in modo graduale e controllabile".  

I vaccini antinfluenzali sono "in distribuzione e disponibili, anche se qualche polemica sulla carenza c'è stata. Conviene farlo. Conveniva anche prima quando non c'era il Covid, perché l'influenza fa 10 mila morti diretti e indiretti l'anno, quest'anno è ancora più importante, consente di discriminare se i sintomi simil influenzali sono riferibili a qualcos'altro". L'invito del viceministro della Salute. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook