Covid, nuovi dati positivi su Remdesivir - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Gio, Set

Covid, nuovi dati positivi su Remdesivir

Covid, nuovi dati positivi su Remdesivir

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nuovi dati positivi sull'antivirale Remdesivir contro Covid-19. Sul 'New England Journal of Medicine' (Nejm) sono pubblicati oggi i risultati finali dello studio condotto dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid) statunitense su pazienti adulti ricoverati in ospedale con Covid-19 lieve e moderato o grave.

Covid, nuovi dati positivi su Remdesivir
Covid, nuovi dati positivi su Remdesivir

 

I risultati finali del trial di fase 3 Actt-1, costruiti sui risultati preliminari pubblicati sul Nejm a maggio 2020, dimostrano che, rispetto al placebo, nei pazienti con Covid il trattamento con Remdesivir ha ottenuto "miglioramenti continuativi e clinicamente significativi su diversi parametri di valutazione". I dati provano, inoltre, che l'uso dell'antivirale "ha determinato un tempo di recupero più rapido rispetto a quanto già comunicato in precedenza". Nei risultati preliminari a 15 giorni, Remdesivir più lo standard di cura aveva ridotto il tempo di recupero di quattro giorni rispetto al placebo. I pazienti che hanno ricevuto l'antivirale hanno avuto il 50% di probabilità in più di migliorare entro 15 giorni rispetto a quelli che avevano ricevuto placebo, e l'effetto è stato mantenuto per circa un mese (fino al giorno 29). Il beneficio di Remdesivir è stato maggiore quando il farmaco è stato somministrato entro 10 giorni dall'insorgenza dei sintomi. Infine, si è verificata la tendenza a una riduzione della mortalità dopo 15 e 29 giorni nei pazienti trattati con Remdesivir rispetto al placebo.  

"I risultati dello studio Actt-1 dimostrano che, nei pazienti ospedalizzati con polmonite da Covid-19 - spiega Andre Kalil, professore di Medicina interna e direttore del Programma di malattie infettive da trapianto all’Università del Nebraska, principal investigator dello studio - Remdesivir è il primo farmaco antivirale a essere significativamente associato a un tempo di recupero più breve, cinque giorni prima per tutti i pazienti e sette giorni prima per quelli più gravi, e al contempo a una minore progressione verso la ventilazione meccanica", sottolinea. "I dati di cui disponiamo ora suggeriscono che somministrare Remdesivir a pazienti in ossigenoterapia può ridurre in modo significativo le probabilità di morte".