Vaccino Covid, i dubbi del pioniere della nanomedicina
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Lun, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Vaccino Covid, i dubbi del pioniere della nanomedicina

Vaccino Covid, i dubbi del pioniere della nanomedicina

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Contro Covid-19 "io credo che arriveranno dei vaccini in clinica nei prossimi 3-4 mesi, ma non credo che nessuno sarà in grado di dare la protezione o l'immunità a tutte le persone che lo riceveranno.

Vaccino Covid, i dubbi del pioniere della nanomedicina
Vaccino Covid, i dubbi del pioniere della nanomedicina

 

Nessun vaccino dà la copertura completa, ma c'è una bella differenza fra 90 e 10% chiaramente". E' l'analisi di Mauro Ferrari, scienziato italiano pioniere negli Usa nel campo della nanomedicina ed ex presidente del Consiglio europeo della ricerca (Erc).  

Sul coronavirus Sars-CoV-2, osserva l'esperto che è presidente e Ceo di Dompé X-Therapeutics e professore di Scienze farmaceutiche dell'università di Washington, "non c'è dubbio che scoperte importanti siano già state fatte. Per esempio abbiamo capito che questa è una malattia diversa con declinazioni veramente particolari e richiederà una scienza nuova e straordinaria. Ma, prima di arrivarci, servono soluzioni più immediate: vaccini, agenti terapeutici. Ce ne sono più di 200 in fase di sviluppo e sperimentazione. La mia intuizione, che magari si dimostrerà sbagliata, è che questi vaccini copriranno il 5-10-15-20%". Una percentuale "più vicina al 10 che al 90%", prevede intervenendo oggi in Italia all'evento 'Oltre l'emergenza', promosso da Innovabiomed a Veronafiere.  

Per Ferrari "ci sarà forse bisogno di creare vaccini personalizzati o cocktail di vaccini diversi - ipotizza - E comunque sia, non credo che sarà il vaccino di per sé la soluzione finale, se non verrà accompagnato da agenti terapeutici in grado di risolvere per esempio la crisi polmonare, o altre crisi di diversa natura che si presentano nella cascata conseguente all'infezione da Covid. Si tratterà forse di avere vaccini e agenti terapeutici insieme, in una maniera che ancora non conosciamo".  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook