Cig mai gratuita per imprese: ecco i costi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Mar, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Cig mai gratuita per imprese: ecco i costi

Cig mai gratuita per imprese: ecco i costi

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nel caso di totale sospensione dell’attività lavorativa, l’accesso agli ammortizzatori sociali Covid-19 non è mai gratuito.

Cig mai gratuita per imprese: ecco i costi
Cig mai gratuita per imprese: ecco i costi

 

A precisarlo la Fondazione studi consulenti del lavoro. Secondo i professionisti "gli ultimi provvedimenti emergenziali adottati per la pandemia hanno previsto un prolungamento del divieto di licenziamento fino al 31 gennaio 2021, limitando l’iniziativa economica costituzionalmente tutelata dall’articolo 41. A giustificare la scelta, la possibilità di compensare il divieto con l’accesso ai trattamenti d’integrazione salariale emergenziale, che apparentemente non avrebbero costi per le imprese".  

Ma in realtà sottolineano, i consulenti del lavoro, "sebbene venga azzerato il contributo richiesto dalla normativa ordinaria per i periodi di cassa integrazione fruiti dall’azienda, permangono alcuni oneri a carico dei datori di lavoro".  

E i professionisti hanno stilato un elenco dei costi per la cassa integrazione a carico di 4 aziende appartenenti a settori diversi (metalmeccanica industria, commercio, alberghiero, ristorazione), suddivisi per differenti periodi di fruizione degli ammortizzatori, categorie di lavoratori e mansioni.  

Tra le voci di spesa, innanzitutto, il trattamento di fine rapporto, che per la totale durata della sospensione continua a maturare sulla retribuzione che il dipendente avrebbe percepito qualora avesse svolto la propria prestazione lavorativa. Si tratta di un onere significativo per i datori di lavoro, che incide a prescindere dall’effettiva prestazione del lavoratore in questi difficili mesi emergenziali.  

Ad esempio, nel settore metalmeccanico industria, sottolinea l'analisi della Fondazione studi dei consulenti del lavoro, il costo medio mensile del Tfr a carico dell’azienda per singolo dipendente – che muta in considerazione dei diversi livelli contrattuali – può variare da 120,64 euro mensili per un lavoratore inquadrato al 3° livello fino a 144,47 euro per il dipendente inquadrato al 5° livello superiore.  

Nel commercio, invece, si passa da 132, 83 euro per un impiegato del 3° livello a 166, 52 euro per un responsabile di 1° livello. A questo si aggiunge il costo per il c.d. ticket di licenziamento. Nei casi di interruzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato che darebbe diritto all’indennità di disoccupazione Naspi, il datore di lavoro è tenuto a versare una somma pari al 41% del massimale mensile di Naspi per ogni dodici mesi di anzianità aziendale negli ultimi tre anni.  

C’è poi da considerare, aggiungono i consulenti del lavoro, che durante il periodo di cassa integrazione l’anzianità di servizio non si sospende, pertanto tutti gli istituti ad essa collegati e previsti dai diversi contratti collettivi nazionali di lavoro (Ccnl), come scatti di anzianità, periodo di comporto, diversa maturazione dei ratei di ferie etc., continueranno a produrre i loro effetti. Inoltre, i principali contratti collettivi prevedono altri istituti che possono incrementare ulteriormente gli oneri a carico delle imprese in questo periodo, tra i quali i contributi ai fondi sanitari o agli enti bilaterali.  

E per finire vi sono i costi che mensilmente sostengono le aziende soggette al contributo per ammortizzatori sociali. È vero che sono destinati a un Fondo specifico, diverso da quello emergenziale, ma per gli imprenditori è pure sempre un costo mensile per ottenere in caso di necessità la copertura degli ammortizzatori sociali.  

E i consulenti del lavoro ipotizzano i casi di quattro aziende con differenti settori di appartenenza e periodi di fruizione degli ammortizzatori sociali emergenziali, oltre che ad una diversa composizione media dell’organico aziendale in forza. Con costi quantificabili, concludono i consulenti del lavoro, in molte migliaia di euro l’anno. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook