Covid Usa, Fauci: "Ci aspettiamo un'ondata dopo l'altra"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Sab, Gen
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid Usa, Fauci: "Ci aspettiamo un'ondata dopo l'altra"

Covid Usa, Fauci: "Ci aspettiamo un'ondata dopo l'altra"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Quello che ci aspettiamo mentre andiamo verso le prossime due settimane di dicembre è vedere un'ondata sovrapposta a quella ondata in cui siamo già", tanto più all'indomani della festa del Ringraziamento, con milioni di americani che si sono spostati nonostante le raccomandazioni degli esperti.

Covid Usa, Fauci:
Covid Usa, Fauci: "Ci aspettiamo un'ondata dopo l'altra"

 

Lo ha detto alla Nbc Anthony Fauci, direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive Usa, spiegando, in relazione al Natale e Capodanno in arrivo: "Dovremo prendere decisioni come nazione, stato, città e famiglia: siamo in un momento molto difficile e dovremo accettare restrizioni rispetto alle cose che vorremmo fare, in particolare in questa stagione delle vacanze". Questo perché "stiamo entrando in quella che è davvero una situazione precaria, siamo nel mezzo di un ripido pendio". 

A livello locale, Fauci ha detto di aver avuto segnalazioni di situazioni che potrebbero richiedere nuovi mini-lockdown: "Sto parlando di persone che iniziano a vedere stress significativi sul sistema ospedaliero e sanitario". C'è una luce alla fine del tunnel, però, ha aggiunto, facendo riferimento ai vaccini e spiegando che "quasi certamente" si inizierà "prima della fine di dicembre" e "tra gennaio, febbraio e marzo sempre più persone verranno vaccinate".  

Secondo l'esperto, gli americani dovrebbero avere fiducia nella campagna vaccinale: "Il motivo per cui dovremmo sentirci più fiduciosi al riguardo è che abbiamo una lunga, lunga storia nella distribuzione dei vaccini", ha detto, spiegando poi a 'Meet the Press', che, anche se questa volta si tratta di 300 milioni di dosi, "ogni anno il sistema è impostato in modo che distribuiscano 80 milioni o più vaccini". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook