Covid, rapporto Oms: "Italia non impreparata a epidemia"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Sab, Gen
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, rapporto Oms: "Italia non impreparata a epidemia"

Covid, rapporto Oms: "Italia non impreparata a epidemia"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"L'Italia non era del tutto impreparata a un'epidemia quando arrivarono i primi notiziari dalla Cina".

Covid, rapporto Oms:
Covid, rapporto Oms: "Italia non impreparata a epidemia"

 

È quanto si legge nel rapporto ‘An unprecedented challenge - Italy's first response to COVID-19’ a cura di un team di ricercatori della divisione europea dell'Organizzazione mondiale della sanità, di cui si parla nella puntata di Report, che sostiene che lo studio è stato bloccato subito dopo la pubblicazione.  

"Nel 2006, dopo la prima epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS), il ministero della Salute e le regioni - scrivono i ricercatori nel rapporto pubblicato sul sito - hanno approvato un piano di preparazione nazionale contro l'influenza pandemica e un piano di risposta, riconfermato nel 2017 , con linee guida per i piani regionali. Più recentemente, il virus H1N1 / 09 nel 2009 e il virus Ebola nel 2014 hanno richiamato l'attenzione sul rischio che tali fenomeni potrebbero presentare. Il piano nazionale di prevenzione 2014-2018, il quadro principale per la strategia la pianificazione e il finanziamento della sanità pubblica, pertanto, ha richiesto una maggiore preparazione alle pandemie".  

Il Rapporto si concentra sulla fase iniziale di diffusione dell'epidemia e gli stessi autori lo definiscono una "storia non finita", nella quale si dà conto del fatto che "la prima risposta dell'Italia al Covid-19 è avvenuta nel momento di una sfida senza precedenti, ma il Paese ha reagito rapidamente". 

In particolare, il Rapporto riferisce delle capacità di risposta e delle criticità, dovute a un insieme di fattori: fa menzione del Piano pandemico riconfermato nel 2017 e del Piano di prevenzione nazionale 2014-2018, grazie ai quali, appunto, "l'Italia non era completamente impreparata"; rende conto delle misure via via adottate, a partire dal blocco dei voli con la Cina il 31 gennaio; illustra gli strumenti predisposti per prendere decisioni in tempo reale, con riferimento alla rete di sorveglianza dell’Istituto superiore di sanità: “La produzione di informazione strategica ha giocato un ruolo centrale per la definizione della risposta all'epidemia".  

Il rapporto analizza poi le differenze nelle risposte delle Regioni più colpite: per esempio, “il Veneto ha il doppio delle persone testate ogni mille abitanti rispetto alla Lombardia e da questo sono scaturite polemiche sia sui media che a livello politico”. E rende conto dei limiti della risposta iniziale all’epidemia: “impreparati a un simile afflusso di pazienti in condizioni severe, gli ospedali hanno avuto una reazione iniziale caotica, creativa, di improvvisazione". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook