Covid, cocktail di vaccini? Si studia mix AstraZeneca-Sputnik - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Dom, Ott

Covid, cocktail di vaccini? Si studia mix AstraZeneca-Sputnik

Covid, cocktail di vaccini? Si studia mix AstraZeneca-Sputnik

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un cocktail di vaccini anti-Covid potrebbe rivelarsi un'arma insolita, ma più efficace, per battere il virus pandemico.

Covid, cocktail di vaccini? Si studia mix AstraZeneca-Sputnik
Covid, cocktail di vaccini? Si studia mix AstraZeneca-Sputnik

 

Ad annunciare l'intenzione di avviare uno studio ad hoc è la filiale russa di AstraZeneca, che dà notizia di una collaborazione con il Gamaleya Research Institute, che ha sviluppato il vaccino Sputnik V, il Russian Direct Investment Fund e R-Pharm. "Le combinazioni di diversi vaccini contro Covid-19 possono essere un passo importante per generare una protezione più ampia attraverso una risposta immunitaria più forte e una migliore accessibilità", si legge sul sito dell'azienda. 

"Questo è il motivo per cui è importante esplorare il potenziamento eterologo per rendere i programmi di immunizzazione più flessibili, consentendo ai medici una scelta più ampia al momento della somministrazione dei vaccini. Si prevede che la combinazione dei vaccini possa portare a una migliore risposta immunitaria. Il governo britannico ha recentemente annunciato che inizierà una sperimentazione clinica che combina i vaccini con l'adenovirus con la tecnologia dell'mRna. AstraZeneca sta anche valutando come esplorare combinazioni di diversi vaccini. Oggi - fa sapere l'azienda - annunciamo un programma di sperimentazione clinica per valutare la sicurezza e l'immunogenicità di una combinazione di Azd1222, sviluppato da AstraZeneca e dalla Oxford University, e di Sputnik V, sviluppato dall'Istituto russo Gamaleya". Il progetto inizierà arruolando pazienti adulti dai 18 anni in poi.  

Sia Azd1222 che Sputnik V sono vaccini a vettore adenovirale che contengono materiale genetico della proteina Spike del virus Sars-CoV-2. L'adenovirus stesso non è in grado di replicarsi, quindi può agire solo come vettore di materiale genetico. "La collaborazione scientifica con il Gamaleya Research Institute è importante per esplorare il potenziale delle combinazioni di vaccini", conclude la filiale russa di AstraZeneca.