Pazienti leucemia linfatica cronica: 'Per noi diagnosi è uno tsunami' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Sab, Giu

Pazienti leucemia linfatica cronica: 'Per noi diagnosi è uno tsunami'

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“La diagnosi di leucemia linfatica cronica ti cambia la vita, è un vero e proprio tsunami. L’impatto psicologico per chi la riceve, per il suo contesto familiare e sociale, è molto importante: si tratta di una patologia curabile, ma attualmente ancora non guaribile, che richiede una convivenza quotidiana con la

malattia, affrontare dubbi sul futuro, attese, e di gestire gli impatti dal punto di vista relazionale, lavorativo, economico e di organizzazione del tempo libero. Riappropriarsi di una buona qualità di vita, coltivare i propri sogni e le proprie passioni è fondamentale”. Così Sabrina Nardi, Responsabile Ail Pazienti intervenendo oggi alla web conference “Leucemia linfatica cronica: la terapia a durata fissa trasforma gli standard di cura per una migliore qualità di vita del paziente”, promossa da AbbVie – azienda biofarmaceutica globale guidata dalla ricerca scientifica – con la partecipazione di Ail - Associazione Italiana contro le Leucemie-linfomi e mieloma Onlus.  

“Sono spaventato”, “La mia vita è finita”, “Sono precipitato nel baratro più profondo”, sono “le più comuni reazioni dei pazienti al momento della diagnosi – riferisce Nardi – e ci dicono molto in merito all’impatto che la stessa ha sulla vita delle persone. Impatto che investe i rapporti familiari, affettivi, sociali e colpiscono in modo tanto più forte quanto più la persona è giovane”. La famiglia e gli amici, secondo Nardi, "rivestono un ruolo fondamentale" per affrontare al meglio la patologia. “Il paziente ha difficoltà nella sfera affettiva e privata, desidera recuperare una nuova sessualità. Anche nell’ambito lavorativo doversi assentare spesso per le visite di controllo o i trattamenti è un problema. Per non parlare della gestione del tempo libero: in molti ci chiedono se possono praticare sport, viaggiare , esporsi al sole piuttosto che occuparsi dei nipoti”.  

Oltre che con la diagnosi e la malattia, i pazienti “oggi devono fare i conti con lo stigma sociale – ammette la responsabile di Ail Pazienti -. Per l’immaginario collettivo la leucemia è purtroppo ancora una parola che fa paura, è considerata una condanna. In molti a causa della malattia non possono fare carriera sul posto di lavoro. È assurdo”. Fortunatamente, “i dati positivi sui trattamenti - conclude Nardi - che durano due anni e poi permettono l’interruzione sono un’arma in più a disposizione dei pazienti per una nuova normalità. È quindi importante per i pazienti che si continuino a monitorare i dati di tempo libero da malattia dopo la sospensione della terapia”.