Covid, scienziati: "Nuova inchiesta su origine, considerare ipotesi laboratorio" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Mar, Giu

Covid, scienziati: "Nuova inchiesta su origine, considerare ipotesi laboratorio"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Una maggiore chiarezza sulle origini della pandemia di Covid-19 è necessaria e possibile. Dobbiamo prendere sul serio le ipotesi sugli spillover sia naturali che di laboratorio, fino a quando non abbiamo dati sufficienti". Lo scrivono, in una lettera pubblicata su 'Science', 18 scienziati, che chiedono di prendere in considerazione

entrambe le ipotesi sull'origine di Sars-Cov-2: il salto di specie in natura, ma anche la possibilità che il virus sia frutto di un incidente in laboratorio. I ricercatori sollecitano "un'indagine adeguata", che "dovrebbe essere trasparente, obiettiva, basata sui dati e su un'ampia esperienza, soggetta a revisione indipendente e gestita responsabilmente per ridurre al minimo l'impatto dei conflitti di interesse".  

"Allo stesso modo, le agenzie di sanità pubblica e i laboratori di ricerca - chiedono gli scienziati - devono aprire i propri archivi. Devono essere documentate la veridicità e la provenienza dei dati su cui vengono condotte le analisi e le conclusioni tratte, in modo che le analisi siano riproducibili da esperti indipendenti".