Variante Delta, Zangrillo e la frecciata a Fauci - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Lun, Set

Variante Delta, Zangrillo e la frecciata a Fauci

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Caro Scienziato, il tema fondamentale è il rischio, ben differente, tra vaccinati e non, di finire in ospedale. Nessuno te lo ha spiegato nel tuo paese?”. E’ il tweet con cui Alberto Zangrillo, primario di rianimazione dell’ospedale San Raffaele di Milano, ‘chiosa’ sulle recenti dichiarazioni del

professor Anthony Fauci. L’immunologo statunitense, consulente del presidente Joe Biden, ai microfoni di Msnbc oltre a ricordare l’importanza del vaccino anti-covid ha - tra le varie affermazioni - evidenziato che i soggetti vaccinati che si infettano per la variante Delta sono molto meno numerosi rispetto ai soggetti non vaccinati ma, nei casi di positività, la carica virale è la stessa.  

"La variante Delta è totalmente dominante negli Usa. Il quadro è completamente cambiato: il livello di virus nei vaccinati che si infettano, un evento più raro che può verificarsi, è esattamente lo stesso rispetto al livello di virus nelle persone non vaccinate" che vengono contagiate. Sono le parole del professor Anthony Fauci. "Due mesi fa, il livello di virus nelle mucose di un soggetto vaccinato era nettamente inferiore: ora la variante Delta ha cambiato totalmente lo scenario", le parole dello scienziato.