Ok Chmp Ema a monoclonale Gsk per 3 malattie da eosinofili - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Mar, Ott

Ok Chmp Ema a monoclonale Gsk per 3 malattie da eosinofili

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

E' un anticorpo monoclonale e potrebbe diventare il "primo trattamento mirato disponibile per l'uso in 4" malattie causate da eosinofili. Il farmaco mepolizumab ha come target l'interleuchina-5 (Il-5) e ha incassato oggi i pareri positivi del Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell'Agenzia europea del farmaco Ema che lo ha

raccomandato per 3 patologie di tipo eosinofilico: sindrome ipereosinofila e granulomatosi eosinofila con poliangioite (Hes e Egpa), entrambe malattie rare potenzialmente pericolose per la vita, e rinosinusite cronica con polipi nasali.  

Lo annuncia GlaxoSmithKline, ricordando che il parere del Chmp è una delle fasi finali della procedura di autorizzazione all'immissione in commercio, prima della decisione di approvazione da parte della Commissione europea. Le 3 opinioni positive - spiega l'azienda britannica in una nota - si basano sui dati di altrettanti studi che analizzano il ruolo dell'inibizione mirata dell'Il-5 con mepolizumab in queste malattie causate dagli eosinofili, condizioni infiammatorie associate a livelli elevati di eosinofili, un tipo di globuli bianchi.  

Esprime soddisfazione per i pareri positivi del Chmp Christopher Corsico, Senior Vice President Development di Gsk. "Attualmente - afferma - sono disponibili limitate opzioni di trattamento mirato per i pazienti in Europa con malattia indotta da eosinofili. Se approvato, mepolizumab sarebbe il primo trattamento mirato disponibile per l'uso in 4 di queste malattie". Mepolizumab è infatti già approvato per l'uso in Europa come trattamento aggiuntivo per i pazienti con asma eosinofilo grave, "e rafforzerebbe ulteriormente il suo ruolo nel prendere di mira la causa sottostante dell'infiammazione".  

Nelle malattie Hes e Egpa - sottolinea Gsk - l'infiammazione in vari tessuti può causare una serie di sintomi spesso gravi. Lo standard di cura per queste patologie spesso include ancora corticosteroidi orali e/o terapie immunitarie citotossiche. La disponibilità di mepolizumab potrebbe fornire ai pazienti una nuova opzione di trattamento con il potenziale per migliorare i sintomi clinici e ridurre l'uso di corticosteroidi orali. 

La terza patologia per la quale è stato espresso parere positivo dal Chmp di Ema è una condizione (Crswnp) in cui i pazienti possono sviluppare escrescenze dei tessuti molli chiamate polipi nasali, che possono causare sintomi cronici come ostruzione nasale, perdita dell'olfatto e secrezione. Nella malattia grave, i pazienti possono richiedere un intervento chirurgico ripetuto a causa di escrescenze ricorrenti. Studi epidemiologici, clinici e fisiopatologici suggeriscono fortemente che Crswnp e asma sono strettamente collegati e spesso coesistono. Inoltre, i pazienti con Egpa hanno spesso asma grave. Questa sovrapposizione tra le malattie caratterizzate da eosinofili evidenzia - si legge ancora nella nota - l'importanza di comprendere il ruolo complesso degli eosinofili nella malattia. 

Mepolizumab è stato studiato in oltre 4mila pazienti in un totale di 41 studi clinici che analizzano il ruolo che il farmaco può svolgere nel colpire la causa sottostante dell'infiammazione e ridurre gli eosinofili attraverso l'inibizione dell'Il-5.