Colite ulcerosa, via libera Ue a nuova terapia orale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mar, Gen

Colite ulcerosa, via libera Ue a nuova terapia orale

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Via libera della Commissione europea a ozanimod nel trattamento degli adulti con colite ulcerosa in fase attiva da moderata a severa, che hanno avuto una risposta inadeguata, una perdita di risposta o sono risultati intolleranti alla terapia convenzionale o a un agente biologico. Lo comunica l'americana Bristol Myers Squibb (Bms), spiegando

che il farmaco, da assumere per bocca una volta al giorno, è "il primo e unico modulatore orale del recettore della sfingosina 1-fosfato (S1P) approvato per la colite ulcerosa, e rappresenta una nuova opportunità per trattare questa malattia cronica immunomediata". 

"Con l'odierna approvazione di ozanimod per la colite ulcerosa da parte della Commissione europea, pazienti e medici hanno ora a disposizione un'opzione terapeutica orale da assumere una volta al giorno per aiutare ad affrontare questa malattia invalidante, con un profilo di efficacia e di sicurezza dimostrato e con un meccanismo di azione diverso dalle altre terapie disponibili - dichiara Jonathan Sadeh, senior vice president Immunology and Fibrosis Development, Bms - Siamo orgogliosi della nostra eredità nelle scienze transformative e nei farmaci innovativi che ci ha portato fino a questo punto, e non vediamo l'ora di poter fornire ai pazienti idonei in Europa una nuova terapia che offre un notevole sollievo dai sintomi e una remissione clinica duratura". 

"In Europa più di 3 milioni di persone sono colpite da una malattia infiammatoria intestinale come la colite ulcerosa, che rappresenta una forma problematica e spesso invalidante - afferma Luisa Avedano, Ceo European Federation of Crohn's & Ulcerative Colitis Associations - Sono soddisfatta perché abbiamo a disposizione una nuova opzione terapeutica orale per i pazienti e i loro caregivers nella gestione dei sintomi di una malattia che può avere un impatto così pesante sulla qualità di vita". 

L'ok Ue - riferisce Bms in una nota - si basa sui dati dello studio di fase 3 True North, che ha valutato ozanimod rispetto a placebo come terapia di induzione e di mantenimento in adulti con colite ulcerosa attiva da moderata a severa. 

Durante l'induzione - si legge - alla settimana 10 lo studio ha soddisfatto l'endpoint primario di remissione clinica (18% ozanimod contro 6% placebo), oltre agli endpoint secondari tra cui la risposta clinica (48% versus 26%), il miglioramento endoscopico (27% versus 12%) e il miglioramento endoscopico-istologico della mucosa (13% versus 4%). Durante il mantenimento alla settimana 52 lo studio ha soddisfatto l'endpoint primario di remissione clinica (37% ozanimod contro 19% placebo) e gli endpoint secondari principali tra cui la risposta clinica (60% versus 41%), il miglioramento endoscopico (46% versus 26%), la remissione clinica libera da corticosteroidi (32% versus 17%) e il miglioramento endoscopico-istologico della mucosa (30% versus 14%). Nei pazienti trattati con ozanimod si è osservata una diminuzione del sanguinamento rettale e della frequenza delle evacuazioni già alla settimana 2. Il profilo di sicurezza globale è risultato coerente con quello conosciuto per ozanimod e per i pazienti con colite ulcerosa da moderata a severa. 

"I risultati dello studio True North mostrano che ozanimod ha confermato un'efficacia significativa e durevole nei pazienti con colite ulcerosa attiva da moderata a severa, per gli endpoint multipli principali come il miglioramento clinico, la guarigione endoscopica e delle mucose e la remissione clinica - commenta Silvio Danese, direttore Gastroenterologia ed Endoscopia, Irccs ospedale San Raffaele e Università Vita-Salute San Raffaele di Milano - I risultati relativi al miglioramento endoscopico e alla remissione istologica sono particolarmente importanti perché sono molto difficili da raggiungere e indicano che ozanimod ha il potenziale per diventare un'opzione terapeutica efficace e sicura per i medici che curano i pazienti adulti con questa malattia cronica e grave". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.