Covid Italia, aumentano ricoveri in ospedale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Ven, Gen

Covid Italia, aumentano ricoveri in ospedale

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Con i contagi che aumentano trainati dalla variante Omicron, salgono oggi in Italia anche i ricoveri Covid in ospedale, sia in area non critica che in terapia intensiva. E' quanto emerge dall'ultimo bollettino di Agenas, l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali. In area non critica sono arrivati al 27% mentre i letti di terapia

intensiva occupati da pazienti con Covid sono al 18%: entrambi sono un punto percentuale in più rispetto alla precedente rilevazione.  

I ricoveri in area non critica aumentano in 13 regioni: la Valle d'Aosta sfonda la quota del 50% (54%), con un aumento di 8 punti; Abruzzo (26%, +2 punti); Basilicata (21%, +1); Emilia Romagna (24%, +1); Lazio (25%, +1); Lombardia (31%, +2); provincia di Trento (24%, +3); Piemonte (33%, +1); Puglia (17%, +1); Sardegna (13%, +1); Sicilia (32%, +1); Veneto (25%, +1).  

A queste si aggiunge la situazione della Calabria, dove i posti letto sono occupati al 38% con una crescita di 2 punti, un dato quindi vicino alla soglia critica del 40%. 

Per quanto riguarda la terapia intensiva, ad aumentare sono i ricoveri in rianimazione nella provincia di Trento, che arriva al 31%, in Abruzzo che sale al 18%, in Sicilia che arriva al 20% e in Umbria (16%). Ma crescono anche Calabria (20%), Campania (12%), Lombardia (17%), Piemonte (24%), Puglia (10%), Sardegna (14%), Toscana (21%). 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.