Piovella (Soi): 'Non legge etichette 30% over 60, chirurgia alleata'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Mar, Giu

Piovella (Soi): 'Non legge etichette 30% over 60, chirurgia alleata'

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Dopo i 60 anni, il 30% della popolazione italiana subisce una normale perdita della sensibilità al contrasto e questo impedisce di leggere immediatamente le parole scritte in piccolo, come le scadenze dei cibi e dei medicinali, o avere una immediata visone delle istruzioni di sicurezza per evitare, ad esempio, incidenti

sul lavoro". Così Matteo Piovella, presidente della Società oftalmologica italiana (Soi), intervenendo a latere della seconda giornata del 19esimo Congresso internazionale Soi, in corso a Roma al Centro Congressi Rome Cavalieri, fino al 21 maggio. (Video) 

Attesa per la chirurgia del cristallino in diretta, prevista per domani, che "dà i risultati miglior da quanto esiste l'oculistica perché - spiega Piovella - in un solo intervento si tolgono i difetti di vista, anche il problema della presbiopia". Dopo questo innovativo intervento della cataratta, "le persone guidano la macchina, utilizzano il computer, leggono un libro e un giornale senza più bisogno di alcuna correzione. Una rivoluzione". 

Lo strumento pratico della chirurgia in diretta "ha permesso da sempre all'oculistica di essere di eccellenza a livello mondiale", continua il presidente Soi, sottolineando la grande capacità della società scientifica di fare in modo che "tutte queste novità vengono messe in campo, dimostrate e diffuse". Con la chirurgia in diretta sull'intervento refrattivo del cristallino, che sta sostituendo la chirurgia della cataratta, "siamo in grado di identificare i contorni di questo nuovo intervento e di tutte le necessità di sicurezza che devono esser messe in campo", conclude Piovella, facendo notare che, "attualmente" questa prestazione chirurgica "non è riconosciuta dal sistema sanitario nazionale". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.