Progeria, ok Ema a primo farmaco per 'sindrome di Benjamin Button'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Mar, Giu

Progeria, ok Ema a primo farmaco per 'sindrome di Benjamin Button'

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - L'Agenzia europea del farmaco Ema annuncia il via libera al primo trattamento per i bambini che soffrono di progeria di Hutchinson-Gilford, la cosiddetta 'sindrome di Benjamin Button', o di laminopatie progeroidi. Il Comitato per i medicinali a uso umano (Chmp) dell'ente regolatorio Ue ha raccomandato di accordare

un'autorizzazione all'immissione in commercio a Zokinvy (lonafarnib), da somministrare in circostanze eccezionali nei bimbi di età pari o superiore a un anno con diagnosi di patologia geneticamente confermata. La terapia è formulata in capsule rigide che si assumono due volte al giorno. 

La progeria di Hutchinson-Gilford è una malattia ultra rara (l'incidenza è di un caso su 4 milioni di nascite, la prevalenza di un paziente su 20 milioni di persone) e multisistemica, che si manifesta con un invecchiamento super precoce che produce segni nell'aspetto e nella funzionalità di organi e apparati; la maggior parte dei malati muore per gravi complicanze cardiovascolari a un'età media di circa 14 anni. Ancora più rare le laminopatie progeroidi. 

Zokinvy è un inibitore specifico dell'enzima farnesiltransferasi, spiega l'Ema. Il farmaco si è dimostrato in grado di prevenire la formazione di progerina aberrante e di proteine ​​simili alla progerina nelle cellule, promuovendone così il mantenimento dell'integrità e della funzionalità. Inoltre, nel tempo la terapia continuata riduce i livelli di progerina e i pazienti trattati sopravvivono più a lungo, in media di circa 6 mesi. Negli studi clinici la maggior parte dei malati in terapia ha manifestato eventi avversi moderati o gravi durante i primi 4-6 mesi di trattamento. Gli effetti collaterali più comunemente riportati sono stati vomito, nausea, diarrea, affaticamento, infezione del tratto respiratorio superiore, diminuzione dell'appetito e mal di testa. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.