Eurispes: più cure a domicilio e territorio, la riforma spinta dalla pandemia
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Giu

Eurispes: più cure a domicilio e territorio, la riforma spinta dalla pandemia

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Più cure a domicilio, e una riorganizzazione dell'assistenza territoriale, prima porta d'accesso al servizio sanitario. Sono i due capisaldi della riforma spinta dalla pandemia. L'eredità buona di Covid. Ad analizzarla è il Rapporto Italia 2022 di Eurispes. La normativa statale in materia di sanità

degli anni 2020 e 2021, pur essendo finalizzata a fronteggiare il dilagare del virus che ha sconvolto il mondo, "ha posto le basi per una pianificazione intesa al potenziamento e alla riorganizzazione della rete sanitaria", si legge nel capitolo dedicato al nuovo scenario al quale si sta lavorando in Italia.  

Un provvedimento chiave su questo fronte è il Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza che, sulla scorta dei progetti contenuti in particolare nella missione 6, pianta le radici su cui far crescere la riforma dell'assistenza sanitaria e socio-sanitaria territoriale. "La finalità che sembra ispirare il processo riformatore è quella di rafforzare l'assistenza sanitaria e sociosanitaria attraverso l'incremento della domiciliarità e la conseguente riduzione della istituzionalizzazione delle persone più fragili - si legge nel report - Già prima della diffusione della pandemia di Covid-19 si era registrata negli ultimi anni una progressiva tendenza allo sviluppo dell'assistenza domiciliare, passando da un tasso medio dell'1,99%, a livello nazionale, registratosi nel 2014, al tasso medio del 2,92%, rilevato nel 2019.  

Fulcro della riorganizzazione dell'assistenza territoriale è il distretto, la cui programmazione deve prevedere i seguenti standard: una Casa della comunità hub ogni 40-50mila abitanti; Case della comunità spoke di medici di medicina generale e pediatri; un infermiere ogni 3mila abitanti; una Unità di continuità assistenziale ogni 100mila abitanti; una Centrale operativa territoriale ogni 100mila abitanti; un ospedale di comunità dotato di 20 posti ogni 50mila-100mila abitanti. Il decreto che disciplina i modelli e gli standard di sviluppo dell'assistenza sanitaria territoriale, fa notare Eurispes, "rappresenta un importante e consistente passo per il rafforzamento dell'assistenza primaria e del sistema di prevenzione in ambito sanitario, che a sua volta si aggiunge al potenziamento della rete ospedaliera in una logica di sviluppo ed evoluzione del sistema sanitario nazionale con l'utilizzo delle migliori e più moderne tecnologie". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.