Vaiolo delle scimmie, Vaia: "I primi casi stanno già guarendo"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Lun, Lug

Vaiolo delle scimmie, Vaia: "I primi casi stanno già guarendo"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Del vaiolo delle scimmie "non ci dobbiamo preoccupare". Così Francesco Vaia, direttore generale dell'Inmi Spallanzani di Roma, ospite di un incontro dell'Associazione Stampa estera. "Dei 6 casi" di vaiolo delle scimmie "che abbiamo accertato, i primi già stanno guarendo. Il mio obiettivo è quello di dare

forza alle persone per combattere la malattia e non deprimerle". "Abbiamo fatto un salto in avanti: si trasmette da uomo a uomo. I pazienti accertati allo Spallanzani sono 6, abbiamo il virus in coltura e a giorni avremo in mano l'isolato del virus e potremmo fare delle sperimentazioni complete. Questo è un vaiolo lontano parente di quello che abbiamo conosciuto, quella che si manifesta oggi è una malattia che riusciamo in questo momento a contenere. Chi ha fatto l'anti-vaiolo prima del 1981 è protetto dal Monkeypox? Probabilmente in gran parte sì, ma prima va verificato l'isolato virale e poi sapremo rispondere alla domanda se la vaccinazione copre e in che percentuale". 

"Ci sono venuti a trovare allo Spallanzani dei colleghi slavi e poi noi andremo lì. Io sono in contatto con Anthony Fauci e Guido Silvestri, siamo in contatto con tante università nel mondo con cui collaboriamo. In Italia lavoriamo anche con Maria Rita Gismondo del Sacco di Milano. Questa è la logica di uno Spallanzani aperto a tutti finalmente e non più geloso delle cose che fa".  

"Con l'isolato virale - ha sottolineato - potremmo anche saggiare l'efficacia delle medicine. Chi oggi è ricoverato allo Spallanzani non ha bisogno di terapia". "Non c'è esigenza di una corsa al vaccino, il fenomeno è di lieve entità e non ci sono decessi - aggiunge -. E' prudente, e bene fa il ministero, ad approvvigionarsi perché potrebbe essere utile in alcune circostanze, ma non ora". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.