Neuromed, una tecnica per studiare l'epilessia su neuroni ricavati da staminali
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Lun, Ago

Neuromed, una tecnica per studiare l'epilessia su neuroni ricavati da staminali

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Prelevare cellule della pelle di un paziente con epilessia, farle 'ringiovanire' fino allo stadio di staminali e poi spingerle a differenziarsi in neuroni. "Una tecnica innovativa che permette di compiere una serie di analisi funzionali altrimenti possibili solo a seguito di un intervento neurochirurgico", spiegano dall'Irccs

Neuromed di Pozzilli (Isernia), illustrando la metodica al centro di uno studio pubblicato su 'Biomedicines', frutto di una collaborazione tra il Laboratorio di Epilessia sperimentale del Neuromed, l'università Magna Grecia di Catanzaro, l'università Sapienza di Roma e altri centri di ricerca italiani. 

Nel lavoro, riferisce Sergio Fucile del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia della Sapienza, ricercatore del Laboratorio di Epilessia sperimentale Neuromed, "sono state inizialmente ottenute cellule staminali adulte da un paziente affetto da epilessia, portatore di una particolare alterazione genetica. Queste cellule sono state poi trasformate in neuroni maturi che abbiamo studiato nel nostro laboratorio. In questo modo siamo stati in grado di osservare nei minimi dettagli il loro funzionamento, e come i processi cellulari sono stati modificati dall'alterazione genetica". 

Studi su cellule nervose di pazienti epilettici vengono già condotti al Neuromed - ricordano dall'Istituto - ma i neuroni sono disponibili solo se il paziente viene sottoposto a un intervento neurochirurgico, in particolare per rimuovere l'area cerebrale da cui originano le scariche epilettiche. "Ma sono pochissimi - sottolinea Fucile - i pazienti epilettici che arrivano alla rimozione chirurgica del focus epilettico. Al contrario, con questo nuovo approccio, applicabile a tutti i pazienti, da comuni cellule della pelle prelevate in maniera poco invasiva possiamo ottenere cellule neuronali con caratteristiche simili a quelle presenti nel cervello del paziente. Questo ci mette in grado di osservare e descrivere quali sono le alterazioni funzionali correlate all’insorgenza delle crisi epilettiche". 

Il risultato è duplice, evidenzia una nota del Neuromed: "Da un lato diventa possibile ampliare le ricerche sui meccanismi cellulari della patologia, dall'altro si aprono le porte a terapie sempre più personalizzate e mirate sul singolo paziente". 

"Ora - conclude Fucile - ci stiamo attivando affinché qui in Neuromed possiamo concentrare tutte le competenze e le tecnologie necessarie per ottenere neuroni da cellule staminali dei pazienti che vengono seguiti dalla nostra clinica, competenze che verranno unite con le nostre capacità di analisi cellulari e funzionali. E' l'essenza del carattere traslazionale di un Istituto come il nostro: clinica e laboratorio che dialogano in un interscambio continuo". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.