Meli (Comunità Emmaus): "Pregiudizi su Hiv non sono ancora spariti"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
09
Mar, Ago

Meli (Comunità Emmaus): "Pregiudizi su Hiv non sono ancora spariti"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Il problema dello stigma riguardante l'Hiv è ancora attuale. Nonostante i passi avanti, le innovazioni terapeutiche, l'ostacolo principale spesso è legato alla comunicazione agli altri. L'Aids non è ancora una malattia che non si può dire serenamente agli altri senza temere di incappare in pregiudizi

e stigma". Così Paolo Meli, pedagogista dell'Associazione Comunità Emmaus di Chiuduno (Bergamo), a margine dell'inaugurazione del murale realizzato a Bergamo da Alessandro Conti, in arte Etsom. Un'opera larga 6 metri e alta 3, che vuole sensibilizzare sui problemi che resistono in materia di Hiv. 

"Bergamo - sottolinea Meli - punta molto sul coinvolgimento di giovani e ragazzi con azioni formative nelle scuole. Spesso chiediamo loro di restituirci la loro visione sul problema anche per informare e sensibilizzare la comunità. Da questa dinamica è nata l'idea di coinvolgere Etsom in questo evento che vuole dare un altro segnale alla città e ricordare che Bergamo è in prima linea nella lotta all'Hiv". 

Nello spazio occupato dal murale saranno inoltre esposte le opere del progetto #cHIVuoleconoscere, realizzate dagli studenti delle scuole secondarie del Comune di Bergamo, nell'ambito del progetto di sensibilizzazione della Comunità Emmaus per raccontare in chiave artistica la lotta all'Hiv. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.