Trecento futuri medici dagli Usa scelgono l'Italia per formarsi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Lun, Ago

Trecento futuri medici dagli Usa scelgono l'Italia per formarsi

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Da Milano a Roma, passando per Genova, saranno oltre 300 gli studenti americani che quest'anno seguiranno i nostri medici in corsia. Doctors in Italy, il primo programma 100% italiano che permette a studenti stranieri di Facoltà sanitarie di scoprire la nuova frontiera del made in Italy, la medicina, al momento collabora

con tre realtà ospedaliere: il Gruppo MultiMedica a Milano, gli Ospedali Galliera a Genova e il Campus Bio-Medico a Roma. Presso queste sedi i fellows, ovvero gli studenti osservatori, oltre a sperimentare la vita in corsia hanno anche l'opportunità di seguire progetti di ricerca, respirando l'aria innovativa tipica dei nostri istituti di ricerca, sottolineano i promotori del progetto.  

"Il nostro obiettivo è dare alla medicina e al mondo della salute in generale un respiro internazionale - afferma Nadia Neytcheva, co-founder e Ceo di Doctors in Italy - Il progetto nasce nel 2018 e dal 2020 è entrato a far parte anche delle eccellenze selezionate da Bocconi 4 Innovation. Grazie a realtà come la nostra tutti gli studenti avviati a professioni sanitarie, in prevalenza statunitensi ma provenienti da altri Paesi, hanno l'opportunità di venire in Italia per un minimo di 2 settimane e seguire i nostri medici in corsia come osservatori, sperimentando dal vivo quella che è la professione medica. Questa esperienza lascerà loro un imprinting sia umano che professionale. Si tratta infatti di un'opportunità unica per vedere un sistema sanitario pubblico riconosciuto come eccellenza a livello mondiale".  

La prossima generazione di medici - si legge in una nota - si sta preparando a un mondo sempre più interconnesso, in cui la cooperazione e la comunità hanno un ruolo centrale. Lo conferma anche la borsa di studio stanziata recentemente da Barack Obama e Brian Chesky di Airbnb (The Voyager Scholarship), per supportare la mobilità internazionale dei giovani americani che scelgono una professione a beneficio della collettività.  

Prima della pandemia erano 39mila gli studenti americani che ogni anno sceglievano l'Italia come destinazione per esperienze di studio o stage. Alla ripresa dei viaggi, si aggiunge il desiderio delle nuove generazioni di fare esperienze di vita in altri Paesi e ampliare i propri orizzonti culturali. L'Italia è da ritenersi un luogo all'avanguardia per quanto riguarda l'istruzione internazionale in campo medico. Infatti, oltre ai programmi brevi come la Doctors in Italy Fellowship, sono 13 le università pubbliche e 5 le private che offrono corsi di laurea in Medicina in lingua inglese. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.