Lorenzo Wittum (AstraZeneca) alla guida di Eunipharma
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Ven, Lug

Lorenzo Wittum (AstraZeneca) alla guida di Eunipharma

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Lorenzo Wittum, presidente e amministratore di AstraZeneca Italia, è stato eletto per il biennio 2022-2024 chairman di Eunipharma, il gruppo che all'interno di Farmindustria riunisce le 35 aziende farmaceutiche a capitale europeo e giapponese attive nel nostro Paese.  

In AstraZeneca dal 2010, Wittum ha

ricoperto posizioni di crescente responsabilità in varie aree terapeutiche a livello globale. Dal 2018 è presidente Italia e si è focalizzato su innovazione e ricerca. Il trasferimento della sede tricolore della compagnia anglo-svedese al Mind, il nuovo distretto dell'innovazione alle porte di Milano, da lui fortemente voluto - sottolinea una nota - rappresenta una leva strategica del Paese per accelerare lo sviluppo di idee e la loro trasformazione in progetti concreti a supporto dei pazienti e di tutta la società. Wittum è membro del Comitato di presidenza di Farmindustria e del gruppo LifeScience di Assolombarda. 

"E' per me un grande orgoglio - dichiara - assumere la guida di Eunipharma, un gruppo di aziende fortemente orientate all'innovazione, che portano al Paese significativi investimenti in ricerca, produzione e occupazione. L'industria farmaceutica nel suo complesso è un partner industriale strategico di sviluppo e innovazione per il Paese. Investire in innovazione farmaceutica significa investire in salute, migliorando l'aspettativa di vita dei cittadini e attraendo nuove risorse e talenti per lo sviluppo economico e sociale del Paese. E' necessario rafforzare l'alleanza strategica tra le imprese private e le istituzioni pubbliche, e le imprese farmaceutiche europee e giapponesi vogliono giocare un ruolo chiave all'interno di Farmindustria per accelerare questo processo". 

La compagine delle 35 aziende europee e giapponesi all'interno di Farmindustria - riporta la nota - dà occupazione in Italia a circa 24mila persone, indotto escluso, e ha realizzato negli ultimi 5 anni investimenti pari a 4 miliardi, dei quali 60% in Ricerca e Sviluppo e 40% in produzione, che rappresentano più di un terzo dell'intero comparto farmaceutico in Italia. 

Secondo i dati elaborati da Farmindustria, le aziende di questo gruppo nel 2021 hanno generato 9,5 miliardi di fatturato, pari a circa la metà del totale del mercato farmaceutico in Italia, anche grazie ai 40 siti produttivi operanti sul territorio nazionale, che contribuiscono in maniera fondamentale all'export di tutto il settore.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.